Il Parco nazionale del Cilento contro la delocalizzazione delle Pisano

Scritto da , 26 Luglio 2002
image_pdfimage_print

Il Parco nazionale del Cilento dice no alla delocalizzazione delle fonderie Pisano nell’area industriale di Buccino.  Dunque, dopo i comuni del Cratere e le comunità montane Sele-Tanagro-Vallo di Diano, anche il parco del Cilento si schiera contro il bando Asi. «Si chiude così un’area vasta che va da Campagna fino a Sapri dove tutti i comuni hanno detto di no. Mancava il Parco Nazionale del Cilento che, con il suo consiglio direttivo, rappresenta tutto il parco e anche in questo caso è stato detto di no», ha dichiarato il primo cittadino di Buccino, Nicola Parisi, al termine dell’incontro. «Tralasciando i rapporti istituzionali o di solidarietà, l’area industriale di Buccino è contigua al parco – ha detto ancora il sindaco – e in qualche modo interessa anche il parco soprattutto da un punto di vista territoriale, dal momento che si trova alle pendici degli Alburni».

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->