Il Masterplan della discordia, Alfieri e le minacce di dimissioni

di Pina Ferro

 

“Lo spirito di collaborazione ricambiato con la tracotanza”. E’ il messaggio che il sindaco Franco Alfieri invia ad un assessore regionale di Vincenzo De Luca. Il primo cittadino di Capaccio Paestum, Alfieri (Pd), minacciò di dimettersi da consigliere del governatore della Campania De Luca per il Masterplan costa di Salerno, se non fossero state accolte le sue obiezioni e le sue istanze a proposito di una “delibera” della Regione Campania. La notizia è stata riportata su Giustizia di Fatto, la news letter del giovedì riservata algli abbonati de Il Fatto Quoridiano. Fu l’assessore all’Urbanistica, Bruno Discepolo, a ricevere da Alfieri l’sms di fuoco. In quei giorni il cellulare di Alfieri era intercettato nell’ambito delle indagini sul signore delle ambulanze e delle pompe funebri della piana del Sele, Roberto Squecco. L’sms di Alfieri a Discepolo risale alle 20.39 del 14 novembre 2019, e riceve risposta alle 8.12 del mattino successivo. Sono rintracciabili nelle carte depositate dalla Procura di Salerno al Riesame, chiamato a decidere sull’arresto di Squecco e della moglie, Stefania Nobili, ex consigliera di maggioranza di Alfieri. Stefania Nobili si è dimessa pochi giorni dopo l’esecuzione della misura cautelare ed è stata surrogata. Alfieri: “Ho avuto l’ultima versione della delibera. Se è quella domani stesso non solo mi dimetto da consigliere del presidente ma non sottoscriverò neanche il protocollo di intesa per il comune di Capaccio Paestum. Lo spirito di collaborazione ricambiato con la tracotanza”. Discepolo: “Ho letto ora il tuo messaggio, non capisco cosa sta succedendo. Chiamami appena puoi”. La tensione di Alfieri era concentrata sui dettagli del protocollo di intesa tra la Regione Campania e i comuni della costa campana per la rigenerazione e valorizzazione del Litorale Salerno Sud. Il protocollo riguardava i territori dei comuni di Agropoli, Battipaglia, Bellizzi, Capaccio – Paestum, Castellabate, Eboli, Pontecagnano – Faiano. Alfieri è il sindaco di Paestum e dal 2007 al 2017 fu sindaco di Agropoli. I progetti in discussione ricadono nel “cuore” del suo consenso politico ed elettorale. Il protocollo fu poi sottoscritto, e presentato pochissimi giorni dopo, il 19 novembre 2019, nella sala “De Sanctis” di Palazzo Santa Lucia a Napoli. Presenti De Luca, Discepolo, Alfieri e i sindaci e delegati dei comuni interessati. La “minaccia” di dimissioni era subito rientrata.