Guerra sui numeri del Capodanno in piazza di Salerno. Erano davvero in centomila?

Scritto da , 2 Gennaio 2013
image_pdfimage_print

Guerra dei numeri sul Capodanno in piazza di Salerno. Come in ogni manifestazione che si rispetti le cifre sulle presenze si rincorrono. Per quanto riguarda il Capodanno in piazza che ha animato la notte di San Silvestro della città di Salerno per il Comune erano più di centomila erano le persone che si sono riversate in piazza Amendola per assistere alle performances di Gianluca Grignani prima e Alex Britti poi. Gli scettici, in primis gli attenti Figli delle chiancarelle, perimetrazioni alla mano, hanno valutato che proprio centomila persone, nell’area interessata dal concerto, non ci sarebbero mai potute entrare.
Indubbiamente è stata tantissima la gente che ha deciso di trascorrere l’ultima sera dell’anno assistendo alla manifestazione messa su dal Comune di Salerno ma, probabilmente, il numero esatto non lo si conoscerà mai.
Tornando allo spettacolo che dalle 21 ha dato il via al conto alla rovescia verso il 2013, ha certamente incantato con la sua chitarra, Alex Britti, cantautore e musicista romano, con alle spalle un passato trascorso anche a Salerno, come lui stesso ha raccontato durante la serata, ricordando il periodo della leva militare, nel 1988: «Quando facevo il militare mi recavo in un negozio di musica sul Corso e con la scusa di voler acquistare una chitarra potevo finalmente suonare».
Meno brillante nella sua esibizione è stato invece Gianluca Grignani che non è sembrato molto in forma sul palco di piazza Giovanni Amendola, tanto che, a quanto si vocifera, pare che al termine della performace, sia stato accompagnato in camerino da due membri dello staff.
Ma al centro c’è stato comunque un grande spettacolo musicale con i grandi successi dei due cantanti che si sono susseguiti nel tempo, fino al duetto tra i due che hanno omaggiato Lucio Battisti, intonando “Anna”.
Poi, l’intervento del sindaco, salito sul palco allestito in piazza chiamato dalla madrina della serata Eleonora Daniele, per il brindisi augurale. Allo scoccare della mezzanotte via al grande ed emozionante spettacolo di fuochi pirotecnici con il quale Salerno ha salutato il 2012 e dato il proprio benvenuto al nuovo anno, tra caroselli, trenini, brindisi e canzoni.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->