«Guazzo resta a Salerno al 101%»

Scritto da , 15 Gennaio 2013
image_pdfimage_print

Dieci gol in diciotto gare ma, volendo restringere ulteriormente la ricerca, le statistiche parlano di sette reti messe a segno nelle ultime otto partite: Matteo Guazzo è sempre più l’uomo copertina della Salernitana ammazzacampionato. E pensare che al suo posto ci sarebbe dovuto essere Ettore Mendicino. Poi il gran rifiuto del baby laziale ha dato il via libera al tesseramento di Guazzo, rimasto senza squadra dopo il fallimento del Taranto. «Ricordo che fu una trattativa lunghissima -dice Mino Grillo, agente del bomber- aveva altre richieste ma nonostante ciò aspettammo diversi giorni prima di poter parlare con Lotito e chiudere felicemente la trattativa. Cosa disse a Guazzo? Solo una cosa, “Portami in Prima Divisione…”».  Da giugno fino a giugno: un solo anno di contratto senza opzione di rinnovo. C’è il rischio che i riflettori puntati su Guazzo dopo le prodezze di questi ultmi due mesi potrebbero attirare diverse pretendenti. Grillo però si affretta a rassicurare i tifosi granata: «Non ci sono problemi, sta benissimo a Salerno. Per questa città stravede e non ha intenzione di lasciarla. Ammetto che mi sono arrivate richieste importanti dalla Prima Divisione (Gubbio, Perugia ed Avellino su tutte nda) ma pur avendo un accordo che scadrà il prossimo 30 giugno senza opzione di rinnovo, siamo sereni sul suo futuro a Salerno». Il perchè è presto detto. Grillo ha già incontrato i dirigenti granata per discutere sul rinnovo del contratto con la Salernitana: «Ci siamo incontrati prima di Natale -rivela il procuratore dell’attaccante- non abbiamo parlato nè di cifre nè di durata ma alla fine la stretta di mano c’è stata. Ne riparleremo a fine campionato ma posso tranquillamente affermare -annuncia Grillo- che Guazzo resta a Salerno al 101%». Il Principe del gol, che sta per battere il suo record di 15 reti fatto segnare nel 08/09 a Como sempre in C2, vuole continuare a esultare sotto la curva sud ancora per molto tempo.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->