Giro d’affari da 100mila euro al mese Alba di manette per 45 persone

Scritto da , 10 Febbraio 2021
image_pdfimage_print

di Pina Ferro

Organizzati in gruppi, erano capaci di riversare in maniera massiccia e “in modo costante e sistematico” la droga in diversi quartieri di Salerno e comuni limitrofi. E’ quanto scoperto attraverso le indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Salerno, culminate nell’esecuzione di 45 misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati (38 destinatari della custodia cautelare in carcere e 7 agli arresti domiciliari). Il blitz è scattato all’alba di ieri, da parte degli uomini della Squadra Mobile di Salerno coadiuvati da personale delle Squadre Mobili di Napoli e di altre Questure, con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine, di unità cinofili e il supporto aereo di un elicottero della Polizia di Stato. Le indagini denominate Chef Crack – Ko, hanno permesso di far luce sull’attività dei gruppi criminali e sulle attività illecite connesse all’acquisto, trasporto, detenzione, lavorazione, confezionamento, vendita e cessione di cocaina, hashish, marijuana e crack. Grazie a intercettazioni e all’installazione di telecamere è stata ricostruita l’intera filiera del traffico di stupefacenti, a partire dai pusher fino ai rifornitori, e a identificare i maggiori promotori dell’organizzazione criminale. Nel corso delle indagini sono state arrestate 7 persone in flagranza di reato con contestuale sequestro di diverse tipologie di sostanze stupefacenti. Nel corso delle perquisizioni domiciliari sono stati sequestrati 700mila euro, somma considerata probabile provento dello spaccio, hashish e una pistola a tamburo. Linguaggi criptici per identificare il tipo di droga e la quantità e incontri con i “clienti” anche in fila al supermercato o alla banca durante il lockdown. E’ uno dei particolari che emerge nell’ambito dell’inchiesta “Chef Crack – Ko”. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il giro d’affari del gruppo criminale individuato sfiorerebbe i 100mila euro al mese. L’approvvigionamento avveniva nel Napoletano.Gli agenti, anche grazie a intercettazioni telefoniche e alla visione dei filmati di telecamere installate in punti strategici, hanno documentato i diversi passaggi della filiera del traffico di droga, partendo dai pusher, passando per i fornitori e finendo all’identificazione di quelli che sono ritenuti i capi che hanno creato nel territorio salernitano “uno dei più forti e stabili canali di approvvigionamento di sostanze stupefacenti di diverso tipo”. “Questa operazione è l’ennesima dimostrazione del fatto che la Polizia di Stato, nella provincia di Salerno, opera un’attività instancabile di monitoraggio continuo in tutte le direzioni, dalla criminalità organizzata al piccolo spaccio, al traffico e al commercio di stupefacenti”, sottolinea il questore, Maurizio Ficarra.

 

Sono finiti in carcere Luca Franceschelli, 33 anni, residente a salerno (custodia in carcere) ritenuto il promotore dell’organizzazione, si occupava di individuare i canali di rifornimento disponeva dell’assegnazione e controllo delle piazze di spaccio seguiva la contabilità dei crediti da incassare; Antonio Abate 42 anni, alias Tony, residente a salerno, gestore della piazza di spaccio di Pastena /Mercatello; Agostino Abate, 27 anni, gestore della piazza di Matierno; Francesco Cafaro 32 anni, residente a Pellezzano; Rocco Cafaro 33 anni, residente a Salerno gestore della piazza di Pellezzano; Carmine Caputo 26 anni, residente a Salerno, gestore della piazza di Fratte; Emilio Ciaglia 43 anni, residente a Salerno, gestore della piazza di spaccio di Pastena /Mercatello; Roberto Consiglio 40 anni, residente a Salerno; Donato Bernardo Criscuoli 27 anni, alias O Puorc residente a Salerno, gestore della piazza di Ogliara; Giuseppe D’Auria 28 anni, residente a Pagani; Luca Delfino 40 anni, residente a Salerno gestore della piazza di Pastena /Mercatello; Moreno Di Martino 28 anni, residente a Salerno gestore della piazza di Sapri; Antonio Esposito 29 anni, residente a salerno; Sabato Fasano 59 anni, residente a Salerno; Gerardo Fiorillo 27 anni, alias Notte, residente a Pellezzano gestore della piazza di Acquamela di Baronissi; Giuseppe Galdoporpora 21 anni, residente a Salerno , detentore e custode della sostanza; Claudio Gibuti 27 anni, residente a Salerno gestore della piazza di Matierno; Giovanna Liguori, 50 anni, alias Zia, residente a battipaglia; Francesco Mercadante 44 anni, residente a Salerno; Luigi Mercadante 37 anni, residente a Salerno alias Giggetto, gestore della piazza della Zona industriale di Salerno; Marco Milo 31 anni, residente a Salerno; Gaetano Molinaro 21 anni, alias Nino, residente a Salerno gestore della piazza di Fratte; Cristiano Noschese 33 anni, residente a Salerno; Giuseppe Ottati 49 anni, già detenuto per altra causa; Teodora Pace 21 anni, residente a Salerno, detentrice e custode della sostanza; Santo Pecoraro 38 anni, alias Carmine e alias “ma serio”, residente a Salerno gestore della piazza di spaccio di Parco Pinocchio; Silvia Pappalardo, 44 anni, residente a Salerno; Alfonso Passamano, 29 anni, residente a Nocera Inferiore; Giuseppe Pennasilico 36 anni, residente a Salerno; Fabio Salzano 27 anni, residente a Salerno; Fabio Saviello 31 anni, alias Cumbarò, residente a Salerno, gestore della piazza di Pastorano; Raffaele Scotto Di Porto 26 anni, residente a Salerno detentore e custode della sostanza; Massimo Sica 48 anni residente a Salerno; Luciano Solferino Tiano 29 anni, residente a Nocera Inferiore; Walter Stabile 25 anni, residente a Baronissi gestore della piazza di Baronissi; Francesco Spero 20 anni, alias Pisiell, residente a Salerno gestore della piazza di Mariconda; Marco Tranzillo 28 anni, residente a Salerno gestore della piazza di spaccio di hashish e marijuana di Pastena/ quartiere Q2; Vincenzo Ventura 22 anni, residente a Salerno e domiciliato a San Mango Piemonte. Sono stati ristretti ai domiciliari: Giuseppe Bifulco 23 anni, residente a Salerno; Raffaele Cocci 40 anni, residente a Caivano; Raffaele Crispino 37 anni, residente a Caivano; Angelo Leone, 21 anni, residente a Salerno; Alfonso Marano 50 anni, residente a Nocera Superiore; Ciro Ragosta 31 anni, residente a Salerno; Pasquale Raucci 51 anni, residente a Caivano.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->