Ginestra salva la Salernitana dal ko

Scritto da , 3 Marzo 2013
image_pdfimage_print

Dopo due mesi Ginestra torna al gol e salva la Salernitana dalla clamorosa sconfitta contro l’Hinterreggio. All’Arechi finisce 1-1, un pareggio che consente ai granata di portare a 23 la striscia di risultati utili e di allungare in classifica sulla terza. La prima frazione è divertente. Le due squadre schierate in modo speculare con il 3-5-2 si affrontano a viso aperto, lasciando spazi. Le occasioni non mancano. Una traversa per Parte, Vicari al 2’ e Ginestra al 7’ su punizione. Un’altra occasione clamorosa per gli ospiti al 13’ con Carbonaro che sbaglia un comodo tap in dopo la respinta di Dazzi su tiro di Cruz dalla distanza e soprattutto il rigore calciato malissimo da Montervino al 35’. Un altro errore dal dischetto per l’undici di Perrone dopo quello di Ginestra a Lucca contro il Borgo a Buggiano. La Salernitana seppur schierata con ben cinque difensori, con Luciani e Piva esterni di centrocampo, non gioca male. Senza accelerare eccessivamente, la squadra granata, attenta a non scoprirsi troppo, sfiora il gol diverse volte. Ci prova spesso Ginestra, a secco dal sei gennaio, di testa, da fuori ma a volte intestardendosi troppo. Ci prova Guazzo, abile a procurarsi il rigore, ma il principe non trova la conclusione vincente. Mounard, schierato nel ruolo di Mancini seduto in panchina, spesso non trova la giusta posizione e gira a vuoto. Ci provano anche dalla distanza i granata con Tuia, anche perché il portiere ospite non sembra affatto insuperabile. Tante occasioni nei primi 45 minuti, ma nessun gol. La squadra granata, anche dall’alto del suo vantaggio in classifica, non sembra animata da troppa frenesia contro un Hinterreggio, dieci nelle ultime quattro gare, che gioca un calcio piacevole. Bravo Khoris, spesso tra le linee, a creare problemi alla difesa granata, sempre ben diretta da Molinari. Nella ripresa la Salernitana prova ad accelerare, alla ricerca del gol vittoria. Clamorosa l’occasione sprecata da Luciani su azione d’angolo di testa al 53’. Ma dopo aver sprecato tanto la Salernitana viene punita. Al 55’ contropiede, difesa piazzata male, Carbonaro serve il neo entrato Kras che in diagonale batte Dazzi. Perrone allora toglie Tuia e Mounard inserendo Mancini e Gustavo. Ma non c’è una reazione lucida da parte della squadra di Perrone. Troppi lanci lunghi, un nervosismo crescente con un Hinterreggio che logicamente alza barricate e in tutti i modi cerca di far passare secondi preziosi. Al 79’ quando la partita sembra avviarsi a conclusione, su cross di Montervino, Ginestra di testa, trova il gol del pareggio. Nel finale generoso poi la Salernitana non trova il gol vittoria. Ma considerata la sconfitta de L’Aquila in casa con il Campobasso, il pareggio consente ai granata di allungare ulteriormente in classifica. Undici punti a nove giornate dal termine sono un bottino a dir poco rassicurante.

SALERNITANA-HINTERREGGIO 1-1

SALERNITANA (3-5-2): Dazzi; Rinaldi, Molinari, Tuia (58’ Mancini); Luciani, Montervino, Perpetuini, Mounard (61’ Gustavo), Piva; Ginestra, Guazzo. A disposizione: Garino, Giubilato, Cristiano Rossi, Capua, Topouzis. All. Perrone

HINTERREGGIO (3-5-2): Mengoni; Ungaro, Messina, Anzilotti; Vicari, Lavrendi, Aliperta, Carbonaro (81’ Figliomeni), Marguglio (25’Esperimento); Khoris, Cruz (46’ Kras). A disposizione: Maggio, Oliveri,  Borghetto, Broso. All. Venuto

ARBITRO: Caso di Verona (De Rubeis-Menicacci)

MARCATORI: 55’ Kras (H), 79’ Ginestra (S)

NOTE:  Spettatori presenti 4216 (quota abbonati 205, inclusa), 20 dei quali provenienti da Reggio Calabria. Incasso non comunicato. Ammoniti: Ungaro (H), Aliperta (H), Luciani (S), Guazzo (S), Vicari (H). Calci d’angolo 6-2  per la Salernitana. Recupero 2’p.t. 4’st. Al 35’ Montervino tira fuori un calcio di rigore 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->