Gigante è tornato a casa: «Me la sono vista brutta, ma ora sono qui»

Scritto da , 9 Gennaio 2013
image_pdfimage_print

  Ha la verve di sempre. Scende dall’ascensore e “salta” dalla rampa di scale con la freschezza di un ragazzino. Gigi Gigante (a destra in una foto d’epoca) saluta con la consueta cordialità… “Vado a fare un giretto”. Eppure neanche una settimana fa qualcuno l’aveva visto uscire dalla stessa porta su una sedia a rotelle. Un principio di infarto che nella notte si era ulteriormente aggravato e che non ha prodotto conseguenze estreme grazie ad una delicata operazione durata quattro ore. “Me la sono vista brutta, ma sono qui. Il peggio sembra essere passato, ora vado a fare una passeggiata: voglio riprendere piano piano le vecchie abitudini”. E con passo svelto guadagna l’uscita del cortile dell’abitazione di via Nizza. Dinamico come quando rincorreva il pallone sul rettangolo verde o come quando lo vedi, in piena estate, correre in pantaloncini corti nonostante la non più giovane età. Un vero Gigante… granata
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->