GFF: passeggiando per Giffoni insieme ai giovani giurati

Scritto da , 27 luglio 2015
image_pdfimage_print

Passeggiando in questi giorni in giro per Giffoni, si respira aria di festa. Come ogni anno c’è il Film Festival e tanti ragazzi di ogni età e di diverso paese, riempiono il cuore di gioia. Nei loro occhi risplende una luce e l’entusiasmo di forti emozioni. Sono tutti molto vivaci ed euforici.  Fermo uno di loro che sembra attento ad osservare come sistemano l’impianto luci o non so cosa, è un giurato, categoria +16 si chiama Luca Taddeo e mi parla della sua non prima esperienza qui al Giffoni: «Ho partecipato, sin da piccolissimo insieme a mio fratello Vincenzo ad altre manifestazioni sempre come giurato. Amo il cinema e la musica e  fare nuove esperienze è sempre molto stimolante e costruttivo. Essere giurati a Giffoni è un gioco da ragazzi, ma ci sentiamo molto investiti di questo ruolo e cerchiamo di essere il più possibile critici ed obiettivi, dando però ascolto anche alle nostre emozioni, per poter votare e giudicare al meglio un film». Le interviste e i dibattiti sono tanti. Purtroppo non si può partecipare a tutti, ma l’appuntamento con i big del cinema non può essere mancato: «Ho apprezzato molto Martin Freeman (protagonista, tra gli altri, di “The Hobbit”) che reputo un grande attore, ma mi ha colpito tanto anche Tom Felton (il Draco Malfoy antagonista di Harry Potter nell’omonima saga cinematografica) sempre molto disponibile ed anche emozionato per l’accoglienza ricevuta». Luca poi consiglia ai più piccoli di fare almeno una volta questa esperienza anche se in qualche modo, è stato costretto ad interrompere vacanze e mare, poiché comunque ci sono orari, impegni i e regole da rispettare: «Per me -risponde sorridendo- non sono ancora cominciate le vacanze. Chiusi i libri di scuola, infatti la formazione non si è fermata li. Sono partito appena conclusa la scuola, poiché, sono stato ammesso a partecipare a due stage di formazione di matematica e biologia presso centri universitari e di ricerca del nord ed a settembre si riparte per Triste visto che sono fra i selezionati per uno stage nel centro di ricerca di fisica». Luca fa parte della grande famiglia del Liceo Scientifico G Da Procida di Salerno: «I professori ed il Preside del mio liceo danno spazio e fiducia a noi ragazzi, infondendoci la cultura del sapere e della sperimentazione sul campo, con confronti fuori dai loro ambiti e -conclude Luca Taddeo- diversificando le esperienze».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->