Ex Pennitalia: ipotesi reindustrializzazione. Si punta alla cig per due anni per gli operai

Scritto da , 1 Marzo 2013
image_pdfimage_print

Reindustrializzazione dell’area ex Pennitalia e cassa integrazione concessa per due anni. C’erano questi due punti all’ordine del giorno della riunione che si è tenuta ieri pomeriggio presso la sede di Confindustria Salerno, e durata fino a notte inoltrata, tra la proprietà dell’Agc glass Italia e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali. Una riunione convocata in seguito all’incontro tenutosi mercoledì presso il Ministero dello sviluppo economico a cui hanno preso parte la Regione Campania, il Comune di Salerno, Confindustria Salerno, la Agc e i sindacati insieme alle rsu aziendali. Un incontro nel quale l’Agc non ha mosso un passo dalla propria posizione di chiudere l’azienda. Di fronte sia la Regione Campania che il Comune di Salerno che hanno dichiarato la propria disponibilità, ognuno per la propria competenza, a salvaguardare azienda e lavoratori. Da un lato la Regione Campania che si è detta favorevole a mettere a disposizione fondi per il sostegno di eventuali nuove iniziative imprenditoriali e a sostenere i processi di riqualificazione dei lavoratori. Dal canto suo, il Comune di Salerno ha garantito che la destinazione d’uso dell’area dove sorge lo stabilimento dell’Agc non verrà cambiata. Confindustria ha invece dato la propria disponibilità a partecipare al tavolo istituzionale per l’avvio del processo di reindustrializzazione.
Ora, in particolar modo, le organizzazioni sindacali stanno cercando di ottenere in tutti i modi la cassa integrazione straordinaria per cessazione d’attività per una durata di due anni per i 150 lavoratori rimasti senza la propria occupazione dopo la decisione della multinazionale giapponese di chiudere il sito di Salerno perché senza mercato e perché orientata verso altri orizzonti. Ieri, l’argomento di discussione è stato innanzitutto quello relativo alla copertura del reddito dei lavoratori: nell’ipotesi peggiore la cassa integrazione straordinaria per chiusura potrebbe essere concessa per soli 12 mesi a decorrere dal prossimo 18 marzo, giorno in cui l’attuale regime cassintegrativo dei dipendenti ex Pennitalia scadrà. Entro i prossimi 10 giorni, la Regione Campania convocherà il primon incontro del tavolo a cui l’Agc ha dichiarato di voler prendere parte.

 

1 marzo 2013

 


Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->