E’ morto Pietro Mennea, fu anche dirigente della Salernitana

Scritto da , 21 Marzo 2013
image_pdfimage_print

Il prossimo 28 giugno avrebbe compiuto 61 anni e da tempo era gravemente malato. La camera ardente sarà allestita oggi pomeriggio nella sede del Coni a Roma. Da oggi fino a domenica, inoltre, ci saranno bandiera a mezz’asta listata a lutto e minuto di silenzio prima di tutte le manifestazioni sportive, come disposto dal presidente del Coni, Giovanni Malagò.

Uno dei simboli dello sport italiano, Mennea, fu anche dirigente della Salernitana di Aliberti, iniziò la sua carriera nell’atletica internazionale nel 1971, debuttando agli europei e conquistando il terzo posto nella staffetta 4×100 e il sesto posto nei 200 metri. Partecipò per la prima volta alle olimpiadi l’anno successivo, dove conquistò la medaglia di bronzo nei 200 metri. Nel 1979, alle Universiadi di Città del Messico, corse i 200 metri in 19″72, segnando un record del mondo che è resistito ben 17 anni e che è ancora il primato italiano ed europeo. L’oro olimpico arrivò invece nel 1980 a Mosca. Soprannominato “La Freccia del Sud”, stabilì un altro primato nel 1983 nei 150 metri piani, con 14″8 sulla pista dello stadio comunale di 

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->