E alla fine Guglielmo Vaccaro la spunta

Scritto da , 8 Gennaio 2013
image_pdfimage_print

Guglielmo Vaccaro sembra che alla fine, imprevisti permettendo, si sia salvato. Per ora il suo nome nel listino dei miracolati di Bersani c’è. Per lui si prospetta un posto sicuro o nella lista del Senato o in quella della Circoscrizione Campania 1. D’altronde, con molta probabilità, la lista Campania 2 (che ricordiamo comprende anche Salerno) sarà guidata direttamente da Enrico Letta.
Insomma, conti alla mano, l’area Letta salernitana avrebbe fatto il botto. Enrico capolista, Vaccaro dentro ed exploit della Saggese. Meglio di così non poteva andare, dunque, se si considera che in città il deputato scafatese soffriva l’astio del sindaco Vincenzo De Luca e del segretario provinciale Nicola Landolfi.
Ed invece il tavolo nazionale, almeno fino a ieri sera, avrebbe ribaltato la scena politica.
Più difficile il recupero di Alfonso Andria che, a differenza di Vaccaro, è stato trascinato nel meccanisismo delle parlamentarie, uscendone sconfitto.
Sembra allontarsi anche l’ipotesi di un posto «protetto» per il presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, nonostante la grossa mole di firme raccolta a suo sostegno.L’ambientalista pagherebbe la poca amicizia con gli ambienti romani.
Certo è che solo stasera o al massimo domani mattina si conoscerà l’esatta composizione delle liste. Da superare c’è il malcontento (comprensibile) che giunge dai candidati che si sono sfidati alle primarie del 29 dicembre.
La scelta di imporre quattro persone in testa, in quota Bersani, pare che scombussoli l’intero assetto della lista.
Nel listino, oltre Vaccaro, dovrebbe entrarci Rosaria Capacchione (probabilmente numero 2 di Campania 2) e Guglielmo Epifani che guiderà Campania 1.
Si parla anche di un avvicinamento dei renziani. Ma le trattative pare che siano ancora in corso. In caso di accordo, la componente del sindaco di Firenze Matteo Renzi, dovrebbe entrare con un nome nella lista dei graziati. Stessa cosa per i socialisti. Sul tavolo della Campania restano i nomi di Marco DiLello e di Gennaro Oliviero.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->