Duro il sindaco Napoli: Agitazione dei vigili? Per due buoni pasto

Scritto da , 6 novembre 2015
image_pdfimage_print

L’agitazione dei Vigili Urbani con conseguente rifiuto a prestare lavoro straordinario è stata proclamata a valle di numerose ed estenuanti trattative sindacali che hanno visto la partecipazione  diretta anche del Sindaco ff Napoli e dell’Assessore alla Mobilità De Maio.

In estrema sintesi le motivazioni dell’agitazione possono riassumersi nella richiesta di cinque buoni pasto in luogo dei tre oggi previsti.

L’amministrazione comunale, in previsione delle accresciute esigenze di servizio correlate al periodo delle “Luci d’Artista”, ha approvato in tempo utile appositi progetti denominati “Luci d’Artista” e “Sicurezza Urbana”.

Tali progetti, nell’ovvio rispetto della normativa di settore, prevedono disponibilità finanziarie a carico del bilancio comunale per oltre 310.000 euro atte a compensare turni di lavoro e prestazioni straordinari disposti dal Comando di Polizia Urbana per far fronte all’eccezionalità del periodo compreso tra il 7 novembre ed il 20 gennaio.

E’ ovvio che nessuna trattativa sui buoni pasto può esser fatta in quanto trattasi di un istituto contrattuale che scatta in relazione ad un carico di lavoro organizzato con un impegno su orario antimeridiano/pomeridiano che si determina con almeno mezz’ora di spacco per il pranzo. In tali sensi sono stati forniti opportuni indirizzi al Comando di Polizia Urbana.

Pertanto a chi effettua turni di lavoro nel rispetto della norma sarà attribuito il buono pasto nei limiti di 5 come richiesto dalle organizzazioni sindacali.

Ogni altra richiesta delle organizzazioni sindacali è stata accolta con largo anticipo.

Alla luce di quanto precede si confida nel senso di responsabilità dei Vigili e delle organizzazioni sindacali affinché non si arrechi danno ai cittadini ed all’immagine della città.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->