“Dottore commercialista 2.0”, la proposta di Antonio Sanges

Scritto da , 24 Ottobre 2020
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

“Dopo 20 anni di ordine, ho deciso di non ricandidarmi ma sarò attento spettatore”. Parla così Antonio Sanges, commercialista salernitano che fa il punto della situazione in vista delle elezioni per il rinnovo dell’Odcec, in programma il 5 e 6 novembre, dalle 9.30 alle 18 presso la sede in Via Roma a Salerno, quando si terrà l’assemblea degli iscritti alle Sezioni A e B dell’Albo dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Salerno per l’elezione del Presidente e di 14 Consiglieri e l’elezione del Collegio dei Revisori. Per Sanges queste elezioni dovrebbero essere l’occasione soprattutto per sviluppare una nuova figura del dottore commercialista, quella 2.0, soprattutto considerando il delicato momento che si vive a causa dell’emergenza Coronavirus. Il prossimo 5 e 6 novembre, i commercialisti sono chiamati al voto per il rinnovo dell’ordine… “Ho letto i programmi di tutte e tre le liste che parteciperanno alle elezioni dell’ordine, in programma il 5 e 6 novembre e tutti e tre hanno contenuti molti interessanti in quanto cercano di dare tutela alla figura del dottore commercialista che, come dice uno slogan del consiglio nazionale, è utile al Paese. Saranno tre liste concorrenti e ognuno di loro propone all’utenza dei colleghi il suo progetto per cercare di diversificare anche la funzione del dottore commercialista. Andiamo verso una funzione 2.0: il dottore commercialista digitale, che attraverso il processo tributario ha delle specializzazioni, che affianca le aziende nella crisi d’impresa. La sfida più importante secondo me è determinare la funzione del dottore commercialista nella fase post covid 2020: in questo momento le aziende soffrono tantissimo e io presumo che il commercialista debba essere ancora di più a supporto delle aziende e del Paese, trovando – come già si fa da un po’ di tempo a questa parte – un discorso diretto con le istituzioni, con il Ministero delle Finanze e con l’Agenzia delle Entrate. E’ normale che Salerno abbia 1500 commercialisti circa che parteciperanno a queste elezioni e tutti quanti tenderanno a creare una sinergia affinché la funzione del dottore commercialista sia sempre più pregnante nel territorio dello Stato. Il dottore commercialista deve essere valido interlocutore con il governo affinché vengano attivate delle normative a vantaggio delle aziende, del territorio, efficienti ed efficaci e poi vinca il migliore”. Cosa si aspetta dal nuovo presidente dell’Ordine? Cosa deve cambiare secondo lei? “Il cambiamento non si attiva da un giorno all’altro ma negli anni. Bisogna dare continuità a progetti ordinistici nazionali e condividere gli stessi anche sul territorio”. Sa già quale lista sosterrà? “Sicuramente ho delle mie identità e cerco di conformare il mio voto al progetto elettorale che più si confà al mio modello di dottore commercialista 2.0”. COME SI VOTA Potranno votare tutti gli iscritti alle sezioni A e B dell’Albo, salvo gli iscritti nell’Elenco speciale e coloro che risultano sospesi alla data dell’Assemblea elettorale. L’elettorato passivo spetta a coloro che sono iscritti alla sezione A dell’Albo (“Commercialisti”, per la sezione B “Esperti Contabili” in base ai criteri stabiliti dall’art. 9, comma 1, del D. Lgs. 139/05 non risulta attribuibile alcun seggio), che godono dei diritti di elettorato attivo e che, alla data di convocazione dell’assemblea elettorale (18 settembre 2020), abbiano maturato cinque anni di anzianità di iscrizione all’Albo. I sospesi per morosità esercitano l’elettorato attivo e passivo qualora sanino la morosità entro le ore 18 del 6 ottobre 2020.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->