«De Luca ha svenduto Salerno»

Scritto da , 28 gennaio 2018
image_pdfimage_print

La candidatura di Piero De Luca non è stata accolta di buon grado dagli av- versari politici. «Il governatore Vincenzo De Luca ha svenduto Salerno e provincia per tutelare la sua corte». Lo dichiara il deputato di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli. « Al Senato il partito del governatore De Luca schiera come capolista il lucano Gianni Pittella. Che i salernitani ricordano bene per essere stato l’artefice dello scippo del Tribunale di Vallo della Lucania, trasferito in Basilicata. Alla Camera dei Deputati c’è il ministro dell’Interno che ha sottoscritto un protocollo di intesa con i sindaci per dare lavoro a 10mila migranti in una Regione in cui il tasso disoccupazione giovanile sfiora il 40%. Completa il quadro, Franco Alfieri con la sue fritture avariate», aggiunge Cirielli. «Ci volevano far credere che si chiedeva la candidatura di Piero De Luca sul proporzionale a Salerno per consentire all’apparato dinastico di “tirare” il Pd in tutta la provincia e non per timore di sconfitta sul collegio uninominale del capoluogo. Poi la verità viene sempre a galla», ha dichiarato dal canto suo il consigliere d’opposizione Roberto Celano. Dello stesso avviso anche il consigliere di giovani salernitani-demA, Dante Santoro: “Mi manda papà, quando la politica diventa un affare di famiglia.L’immagine di Salerno ne esce terribilmente danneggiata e la nostra città viene ormai dipinta da fuori come prostrata ed asservita agli interessi della dina- stia De Luca. Per fortuna c’è tanta gente che non si arrende all’idea che la sto- ria debba continuare così. Meritiamo di meglio. Liberiamo Salerno”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->