De Luca avvia la fase due fra sanzioni e obblighi per la mascherina: “Chi non la indossa è una bestia”

Scritto da , 1 Maggio 2020
image_pdfimage_print

Obbligo mascherina per tutti quando si è fuori dalle mura domestiche. Imperativo categorico da parte del governatore De Luca durante il consueto intervento  del venerdì. “Voglio insistere su una cosa: dobbiamo essere rigorosi sull’obbligo di indossare mascherine fuori casa e se è possibile rispettare il distanziamento sociale. Il controllo della distanza sociale e degli spostamenti in prossimità delle proprie abitazioni è impossibile, diciamocelo chiaramente, per questo motivo da lunedì la mascherina diverrà obbligatoria. Chi non la indosserà sarà sottoposto a sanzioni, la trasgressione di questa direttiva sarà facilmente individuabile. Dal 4 maggio in avanti terremo verifiche ogni 2 settimane: il Governo ha dato appuntamento al 18 maggio perché il periodo di incubazione del virus è di 14 giorni, in questi 14 giorni comprenderemo l’effetto relativo all’allentamento delle misure restrittive”. Previste ulteriori sanzioni con il Governatore che si lascia andare a qualche sua esclamazione colorita e tipica. “Non ci sono alibi le mascherine oggi ci sono.- ha affermato – Chi non la indossa è una bestia, perché non ha rispetto per gli anziani, per i bambini e per un lavoro immane che abbiamo fatto come Regione per mettere in condizione tutti di avere la mascherina. Dobbiamo esser rigorosi fino all’ossessione e dico anche ai sindaci di far rispettare l’ordinanza che rende obbligatorio l’uso di mascherine. Ringrazio i tanti sindaci che hanno collaborato, altri se ne infischiano e non è possibile trascurare così la salute della propria comunità”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->