De Luca accende le Luci d’Artista. Biagio Izzo: “Ora si chiama De Luce”

Scritto da , 7 novembre 2015
image_pdfimage_print

Si sono accese le Luci d’Artista e non poteva mancare il governatore  Vincenzo De Luca a tagliare il nastro per l’edizione 2015/16 della ormai nota kermesse giunta alla sua decima edizione. Tante le persone che hanno assistito alle poche battute di De Luca che ha voluto sottolineare l’importanza per la città e per la regione di una kermesse conosciuta in tutta Italia e non solo cresciuta sempre di più in questi anni facendo crescere il turismo nella cittadina salernitana. “Soddisfatto, abbiamo già cinquanta pullman in arrivo questa sera, per un evento straordinario. Aiutateci a gestire quest’ evento, diamo una mano restando città vivibile. Aiutateci tutti, anche i bambini che giocano a pallone in queste piazze dove ci sono le luci, andate a giocare alle scuole calcio. Non si gioca a Piazza di Spagna o Piazza San Marco e nemmeno qui. E’ cresciuta un’ economia intorno a questo evento. Abbiamo avuto numeri superiori ad Expo. I cittadini salernitani diano prova di maturità aiutando le forze dell’ordine nel mantenere l’ordine che questa città ha acquisito. Anche chi viene con le navi da crociera si ferma per questo evento in città. Dieci anni fa siamo partiti tra tanti se e tanti ma…oggi siamo una realtà italiana con oltre due milioni di visitatori in tre mesi.”

Soddisfatto anche il sindaco facente funzioni Vincenzo Napoli che ha voluto lanciare il monito della compattezza di tutti verso un evento importante e trainante.“Mi aspetto 2.400.000 presenze quest’anno, ha detto Napoli – considerato che i B&B da 14 sono diventati 120. E’ la manifestazione più importante d’Italia.” Presente il testimonial della prima accensione che quest’anno è il comico partenopeo Biagio Izzo che si è lanciato in un saluto dei suoi dove non sono mancate le battute: “Un ringraziamento al governatore che da oggi si chiama De Luce e non più De Luca – ha detto scherzosamente Izzo – affianco ad un divertito De Luca. “Avete ora un sindaco che si chiama Napoli e sta a Salerno e il vostro ex sindaco di Salerno ora sta a Napoli: io nun c’ capisc chiù nient!” E poi conclude Izzo: “Vi faccio una proposta, pigliatevi voi De Magistris e dateci il vostro sindaco, cosi le luci le mettiamo pure a Napoli”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->