De Luca a Sommese: “Si fa la permanente”

Scritto da , 25 Maggio 2015
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

Attacco frontale di Vincenzo De Luca agli assessori regionali. Ed in particolare al delegato al turismo Pasquale Sommese. «Oltre che frequentare il parrucchiere per farsi la permanente – ha detto De Luca – è impegnato con le sagre del calamaro, della zeppola di San Giuseppe e del friariello». Sommese, in particolare, è tra gli esponenti dell’Udc che non hanno seguito la linea di Ciriaco De Mita. L’assessore regionale, ex Udc, infatti è oggi candidato al Consiglio regionale con Ncd a sostegno di Stefano Caldoro. «E’ chiaro – ha attaccato ancora De Luca – che fare turismo in Campania è possibile se sei in grado di bonificare l’ambiente, ma non se ci sono ancora le ecoballe accumulate tra Villa Literno e Giugliano». Durante un incontro elettorale all’hotel Alabardieri di Napoli (promosso dai candidati Mariano Giustino e Sonia Ritondale della lista “De Luca presidente”), il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Campania ha rincarato la dose contro la gestione Caldoro e soprattutto contro la sua squadra di governo. «Gli impresentabili veri – ha dichiarato De Luca – sono quelli che organizzano il trasporto del percolato guadagnando decine di milioni di euro, che fanno compravendita di voti e i tanti assessori che da un mese sembra che abbiano sniffato cocaina, vanno in giro con la borsa aperta chiedendo “che ti serve?”. Contributi, garanzie a imprenditori e a giovani, stanno vendendo primariati a tutti». Immediata la replica dell’assessore Pasquale Sommese: «La sconfitta di De Luca alle Regionali sarà determinata dal voto di Napoli e della sua area metropolitana. E’ una questione di stile. Con le sue battute da caserma, l’ex sindaco di una piccola città cerca di nascondere tutta la sua incapacità e inadeguatezza di porsi nel modo giusto di fronte alle questioni complesse del fare turismo in Campania. I fatti parlano per me, le male parole le lascio a lui. La verità è che in questi anni abbiamo creato un sistema complesso turismo-beni culturali con la valorizzazione dei territori attraverso i grandi eventi. Siamo passati in un anno e mezzo ad una spesa da 4 a 38 milioni di fondi europei, nel frattempo lui si è limitato a chiedere soldi per la sua piccola città, cogliendo ogni occasione per lamentarsi della nostra eccessiva attenzione per Napoli e la sua provincia. Ha illuminato la sua città facendo pagare la bolletta ai suoi cittadini. Ecco, questo è il sistema De Luca: tentare di togliere a Napoli per soddisfare la sua ambizione da provinciale».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->