Danza e cinema a Linea d’Ombra

Scritto da , 24 Ottobre 2021
image_pdfimage_print

Sarà giocata sul filo delle contaminazioni la seconda giornata della 26esima edizione di Linea d’Ombra Festival, in programma a Salerno fino al prossimo 30 ottobre. Sarà la danza a scandire il calendario della programmazione, in un prima e un dopo. Le proiezioni avranno inizio alle ore 18 con la sezione CortoEuropa alla Sala Pasolini e VedoVerticale al Piccolo Teatro Porta Catena; mentre alle 18.30 nella sala Menna ci saranno i lavori in concorso per la sezione VedoAnimato e alle 19 al Piccolo Teatro Porta Catena i documentari selezionati per LineaDoc. E sarà alle 20 che la Sala Pasolini accenderà i riflettori sull’arte tersicorea con un “Off Records” dal titolo “Pari intervallo: concerto per corpo, voce e strumento”, un lavoro di ricerca di Borderlinedanza il cui focus è il punto di vista dello spettatore, protagonista nella dialettica tra immagine e sguardo, dove la risultante va oltre il linguaggio, amplifica e modifica l’azione, dona forma poetica all’attenzione. Si tratta di dare un’area espansa allo spettatore, un rovesciamento di senso e di ruolo, con il compito di ospite interno, dove il destino di uno collima col destino di molti, e quindi da intendersi assoggettato al destino del mondo (James Hillmann). La direzione della coreografia e la regia sono di Claudio Malangone. Interpreti: Luigi Aruta, Adriana Cristiano, Antonio Formisano, Giada Ruoppo; la voce è di Annalisa D’Agosto; strumento, Alessia Sorrentino; il video è di Checco Petrone; costumi: i corpi degli interpreti; responsabile organizzativo, Maria Teresa Scarpa; relazioni esterne, Hanka Irma Van Dongen. Dalla danza alla parola. Alle ore 20, nella Sala Menna, ci sarà il confronto tra Roberto Andò e Boris Sollazzo sul tema della libertà per il quale è stato scelto come sottotraccia #CinemaInProgress. Libertà di scegliere teatro, cinema e scrittura, di immergersi in storie che ad altri farebbero paura, di affrontare sfide narrative senza tempo e senza schemi. Roberto Andò è perfettamente fotografato dal titolo del film tra i più fortunati (tratto dal suo libro “Il trono vuoto”) perché con un garbo pieno di talento ha attraversato palchi, schermi, pagine, musica (lirica), non smettendo mai di avere una carica innovativa e creativa rare per continuità e potenza. A Salerno racconterà come si fa ad affrontare ogni nuova sfida con l’entusiasmo e la forza della prima volta. E ci racconterà della sua ultima fatica, “Il bambino nascosto”. In chiusura alle 21 al Piccolo Teatro Portacatena per la sezione fuori concorso #RitornoAlFuturo sarà proiettato “eXsistenZ” di David Cronenberg. Il film sarà introdotto da Veronica Romaniello, Storica e critica d’arte. Progetto realizzato in collaborazione con il DISPS UNISA. Alle 21.30, invece, in Sala Menna ci saranno i film in concorso per CortoEuropa. Linea d’Ombra Festival XXVI edizione è un’iniziativa promossa dall’Associazione SalernoInFestival e realizzata con il contributo e il patrocinio della Direzione generale Cinema e audiovisivo – Ministero della Cultura, della Regione Campania con la Film Commission Regione Campania, del Comune di Salerno. Main Sponsor: Fondazione Cassa Rurale Battipaglia – Banca Campania Centro, Nexsoft S.p.A. Altro ente sostenitore: Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. Altri sponsor: Allianz Salerno Mare – Mario Parrilli srl, Rotary Salerno Rotary Salerno 1949 a.f. La direzione artistica è di Peppe D’Antonio e Boris Sollazzo.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->