Dante Santoro: “Crescent, un condominio privato nell’area più bella di Salerno”

Scritto da , 26 giugno 2018
image_pdfimage_print

«Il dibattito di questi anni sul Crescent è stato surreale, la critica è stata concentrata in maniera fuorviante sulla forma o il gusto dell’opera spostando su un canale soggettivo e sbagliato la questione». Con queste parole Dante Santoro, consigliere comunale del gruppo Giovani salernitani – DeMa ha commentato le relazioni conclusive di Ministero dei beni culturali e del Comune di Salerno – pubblicate questa mattina su Repubblica Napoli –  in merito alla vicenda Crescent, il cui processo è alle battute finali. Mibact e Comune di Salerno sono costituiti parte civile. «La vera domanda da farsi era (ed è) come può la politica aver deciso che l’area più importante e di maggior pregio della città, un affaccio naturale sulla costiera più bella del mondo, doveva ospitare un condominio e accontentare gli interessi privati di qualcuno piuttosto che l’esigenza di un’intera città di valorizzare un’area da anni abbandonata? – ha continuato il consigliere di opposizione di Salerno –  questo è il vero dato oggettivo che condanna i salernitani ad essere ostaggio di una politica che ha favorito interessi di pochi piuttosto che quelli della collettività. A riprova di tutto ciò addirittura il Ministero dei Beni Culturali ha chiesto 200mila euro di danni a De Luca e company, motivando così la richiesta: «L’intervento in realtà cela un sostanziale e quasi esclusivo interesse privato e si è dimostrato uno degli affari immobiliari privati più imponenti della provincia di Salerno». «A breve ci sarà la sentenza, ma i primi giudici devono essere i cittadini – ha concluso – e spero che queste riflessioni aiutino a farsi un’idea su quello che è successo nella nostra città in questi anni».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->