Dal Lago di Garda alla Costiera Amalfitana “Se vuoi chiamale poesie…”

Scritto da , 23 Settembre 2021
image_pdfimage_print

“Mi torna alla mente “L’uomo e il mare” di Hemingway commentando queste “quasi” poesie di Mauro Bocchio. Lasciatosi alle spalle, sul Lago di Garda, il suo passato di architetto e di miracolato alla vita, attracca ad un porto sereno, quello dei fondali marini e delle colline dipinte di “giallo limone” della Costa d’Amalfi, per reinventarsi una esistenza a riscoprire emozioni. Quelle emozioni che la sua penna trascrive sulla carta e nel cuore, affidandosi interamente al mare, alle speranze che questo immenso universo sollecita”, così lo scrittore e poeta Alfonso Bottone presenta “Se vuoi chiamale poesie…” di Mauro Bocchio, edito da Terra del Sole. Mauro Bocchio nasce a Salò, sul Lago di Garda, nel 1946. Architetto, vive a Maiori. “…non sono un “classico”, sono per un’architettura della vita con i pieni e i vuoti alternati e dosati in un gioco sapiente…” scrive in “Se vuoi chiamale poesie…”, sua prima raccolta di versi, che sarà presentata Venerdì 24 Settembre presso il Salone degli Affreschi di Palazzo Mezzacapo alle ore 19.30. Ne parlerà con l’autore lo stesso Alfonso Bottone, accompagnati dal giovane artista Nicola Fusco e dalle letture di Angela Di Lieto.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->