Costi politica: indagati altri due consiglieri regionali

Scritto da , 11 Gennaio 2013
image_pdfimage_print

La GdF ha notificato due decreti di perquisizione ai consiglieri regionali della Campania, Nicola Caputo (Pd) e Angelo Polverino (Pdl). I provvedimenti sono stati emessi nell’ambito dell’inchiesta del pm Giancarlo Novelli, coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco, sull’uso improprio dei rimborsi erogati ai gruppi presenti in Consiglio regionale. Le ipotesi di reato sono truffa e peculato. Nella inchiesta risultano già indagati altri consiglieri.

I due consiglieri regionali della Campania che si aggiungono oggi alla lista dei colleghi indagati per l’uso dei rimborsi sono entrambi in corsa per le prossime elezioni politiche. Nicola Caputo è stato il più votato in provincia di Caserta alle recenti primarie del Pd per la scelta dei candidati in Parlamento, ed è stato inserito al numero 4 della lista del suo partito per la circoscrizione Campania II.

Polverino, coordinatore provinciale vicario del Pdl in Caserta, ha diffuso ieri una nota sottolineando la sua disponibilità a candidarsi, in attesa delle scelte del partito che non sono ancora state ufficializzate.

Nell’ambito della stessa inchiesta della procura di Napoli si trova agli arresti domiciliari da tre settimane il consigliere regionale del Pdl Massimo Ianniciello, accusato di aver chiesto e ottenuto negli ultimi due anni rimborsi per circa 64 mila euro esibendo fatture per operazioni inesistenti.

Una fattura da settemila euro rilasciata da una ditta attiva nel commercio al dettaglio di bevande: è una delle anomalie riscontrate dagli investigatori e che hanno indotto il pm Giancarlo Novelli a indagare il consigliere regionale del Pd Nicola Caputo, ipotizzando che si tratti di un documento fiscale rilasciato non in cambio di una effettiva fornitura ma al solo scopo di ottenere il rimborso della somma, inserita infatti nel capitolo del fondo comunicazione per l’attività politica dei consiglieri.

Un’altra anomalia è rappresentata da una fattura da 10.800 euro rilasciata nel luglio 2011 a Caputo da una ditta di pulizie, il cui titolare ha disconosciuto la ricevuta precisando però di aver fornito più volte fatture a un tipografo. Gli inquirenti hanno inoltre riscontrato che i pagamenti, anziché essere fatti alle ditte che fornivano la prestazione come prevede il regolamento, venivano in realtà fatti ai consiglieri.

Tra gli elementi alla base delle ipotesi di reato configurate nei confronti del consigliere regionale del Pdl Angelo Polverino figurano alcune fatture emesse da una ditta di cartellonistica il cui titolare è stato arrestato in passato per false fatturazioni.

Nell’indagine sono confluite anche fatture emesse da una pensionata 75enne che, ascoltata dalla Guardia di finanza, ha dichiarato di avere corretto e rivisto alcuni discorsi scritti dal consigliere.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->