Contro la tratta degli esseri umani

Scritto da , 26 Marzo 2021
image_pdfimage_print

Oggi commemoriamo le vittime della schiavitù e della tratta transatlantica degli schiavi. La schiavitù è un processo con origini antichissime che ha reso le persone, nel corso del tempo, proprietà di determinati individui ritenuti “superiori”. Il processo maggiormente noto è la tratta transatlantica degli schiavi che riguarda milioni di uomini africani trasportati in America in cambio di beni primari quali: cibo, tessuti e armi. Numerosi paesi, con i rispettivi abitanti, hanno condotto grandi battaglie per l’abolizione di questo processo, ricordiamo il 16° presidente degli Stati Uniti d’America, Abraham Lincoln con il Proclama di Emancipazione. Attualmente la schiavitù è illegale nei paesi europei e per ricordare le atrocità compiute in passato sono stati prodotti numerosi film che raccontano storie biografiche di esseri umani rapiti e venduti come schiavi. Possiamo citare lo storico film “12 anni schiavo” del regista Steve McQueen che racconta la vera storia di un violinista afroamericano, ingannato e venduto come se fosse merce a schiavisti spietati. L’uomo durante i suoi dodici anni di schiavitù sarà sottoposto a torture disumane ma non perderà mai la voglia di riacquistare la sua libertà e i diritti che gli spettano in quanto essere umano, questo concetto è racchiuso in una sua celebre frase: “Sto sopravvivendo, non mi farò prendere dalla disperazione. Mi manterrò in salute finché non verrà l’occasione di riprendermi la libertà”. Questa produzione cinematografica ci mostra come la vita di un uomo possa cambiare per volere altrui, e possa scatenare altri meccanismi inevitabili come il razzismo e in generale la xenofobia. Al giorno d’oggi, la schiavitù non è scomparsa, ha semplicemente mutato forma. Essa si manifesta tramite differenti processi come: il lavoro forzato, il lavoro minorile e lo sfruttamento sessuale. Questi processi sono racchiusi nel concetto di “schiavitù moderna” e secondo i dati statistici, essi si diffondono nei paesi affetti da povertà e spesso malfamati. La schiavitù moderna può essere definita un grande business, mosso da persone prive di umanità con il solo scopo di guadagnare, persuase a loro volta dal Dio denaro. Secondo il programma d’azione, Agenda 2030, i fenomeni della schiavitù moderna e della tratta di esseri umani saranno sradicati entro il 2030. Speriamo si possa porre definitivamente una fine alla schiavitù e le sue forme minori per poter assicurare a tutti gli esseri umani una dignità e una vita soddisfacente. Siria Esposito

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->