Cirielli: «De Luca scaricato dal Pd quando in Campania gli devono tutto»

Scritto da , 27 Ottobre 2019
image_pdfimage_print

Cirielli a tutto campo, ma spezza una lancia a favore di Vincenzo De Luca: «Il Pd l’ha tradito per le poltrone quando, in Campania, gli devono tutto». E’ stato un Edmondo Cirielli a largo raggio quello presentatosi ai microfoni di Radio Castelluccio, dall’aeroporto alle prossime amministrative di Salerno 2021 passando per Renzi e l’avvicinamento ai deputati di Forza Italia, per concludere con Vincenzo e Roberto De Luca. Cirielli, leader campano di Fratelli d’Italia, non si fa mancare di gettare luce sul prossimo scenario politico regionale: «Io non condivido nulla di quello che fa il governatore De Luca, ma il suo partito, il Pd, l’ha tradito per le poltrone quando gli deve tutto». «E’ uno schifo – commenta – tanto da credere che Vincenzo De Luca farà dimettere in tempo utile il sindaco di Salerno, Napoli, per ricandidarsi con il solito sistema di liste civiche al Comune, lasciando al figlio Roberto, che ingiustamente, ha dovuto lasciare l’assessorato al bilancio salernitano, un ruolo politico alla Regione, per la mancata gioia dei consiglieri regionali Pd attuali». Per contrastare De Luca su Salerno, Cirielli ha pensato già a due possibili candidati: «Io sono per il rinnovamento, due giovani, Elena Criscuolo e Gherardo Marenghi». Un contrasto al governatore che va anche in campo regionale con la disponibilità personale per la candidatura alla presidenza: «Ho dato la mia disponibilità ma prima di tutto viene l’unità della coalizione. C’è Forza Italia che avanza richieste importanti: c’è Antonio Martusciello, Paolo Russo, Sibilia, ma a noi interessa soprattutto il programma, prima di tutto le infrastrutture». Infrastrutture, tema sul quale continua Cirielli: «Sono contento della fusione dell’aeroporto di Salerno con Gesac, fattore di rilancio che già io e Bassolino proponemmo a De Luca ma si schierò contro». Ultima riflessione del questore della Camera è su Forza Italia e Matteo Renzi: «Forza Italia è Silvio Berlusconi, Mara Carfagna ha un curriculum istituzionale di rilievo e spessore e deve tanto a Berlusconi tanto da non credere ad un suo avvicinamento a Renzi, credo più ad un avvicinamento di Renzi. In ottica di coalizione mi auguro che Forza Italia riacquisti linfa e forza».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->