Chiesta perizia medica e psichiatrica per Ninuccio

Scritto da , 7 Febbraio 2021
image_pdfimage_print

Non è stato portato a termine l’interrogatorio di garanzia di Giovanni Marandino, fissato nella giornata di venerdì, in remoto, dal centro medico del carcere di Secondigliano, dove l’ex cassiere di Cutolo è detenuto per motivi di salute dopo l’arresto per usura ed esercizio abusivo di attività finanziaria. L’interrogatorio è stato sospeso in quanto le condizioni dell’84enne hanno indotto i suoi legali, Enrico Giovine ed Arnaldo Franco, ad avanzare al gip Alfonso Scermino una richiesta di perizia medica e psichiatrica. L’ex boss della Nco, verserebbe in uno stato avanzato di demenza senile incompatibile con il regime carcerario, proponendo l’alternativa degli arresti domiciliari a casa della sorella, che non vive a Capaccio Paestum, città dove Zi’ Ninuccio ha ancora un grande influenza criminale secondo gli inquirenti, circostanza che ha portato ad imporgli il carcere seppur ultraottantenne.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->