Certificati medici pret-à -porter: in 12 nei guai

Scritto da , 18 Maggio 2021
image_pdfimage_print

di Pina Ferro

Rilascio di certificati medici per rinnovo patenti e porto d’armi senza essere sottoposti ad alcuna visita, in 12 finicono nei guai. Nella mattinatta di ieri, nei territori di Agropoli, Vallo della Lucania, Pollica, Torchiara, Trentinara, Capaccio Paestum, Giungano, Laureana Cilento, i carabinieri della Compagnia di Agropoli supportati dalle Compagnie di Battipaglia e Vallo della Lucania, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vallo della Lucania su proposta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vallo della Lucania nei confronti di 12 indagati (di cui 3 agli arresti domiciliari e 9 all’ obbligo di presentazione alla polizia giudizi i indagine condotta dal Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Agropoli ha consentito di ricostruire l’esistenza di un accordo illegale fra medici certificatori per conto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e titolari di agenzie automobilistiche cilentane, finalizzato alla realizzazione di pratiche automobilistiche come il rilascio/ rinnovo delle patenti di guida o, in alcuni casi del porto d’armi, attraverso certificazione medica attestante l’idoneità psicofisica degli interessati, rilasciata senza alcuna visita. Dai 90,00 ai 120,00 euro a prestazione, da corrispondere per il rilascio del certificato medico senza essere sottoposti alla visita medica, per un giro d’affari stimato in decine di migliaia di euro per l’arco temporale di pochissimi mesi.

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->