Castori: “Il rinnovo? E’ prematuro, centriamo prima il nostro obiettivo”

Scritto da , 22 Marzo 2021
image_pdfimage_print

Marco De Martino

 

Fabrizio Castori è di ottimo umore dopo il ritorno al successo all’Arechi, dopo due mesi e quattro pareggi consecutivi, da parte della Salernitana che ha superato un Brescia dato in gran salute: “E’ stata una partita giocata molto bene dalla squadra, una delle nostre migliori prestazioni. Il campionato sta per finire –ha spiegato Castori- mancano otto partite alla fine e questo mi lascia ben sperare per questo sprint finale visto che migliora di partita in partita sia dal punto di vista fisico che mentale. Ho una squadra in forma, stiamo arrivando al momento cruciale del torneo in cui ci si gioca l’obiettivo. Siamo cresciuti sotto tutti i punti di vista –ha aggiunto il trainer granata- mentalmente, tatticamente e ci proponiamo per questo sprint finale. A Lecce sarà durissima ma siamo lì anche noi e siamo più che mai convinti di giocarci le nostre chances perché a mio avviso abbiamo le carte in regola per essere competitivi”. Un rush finale che comincerà dopo la sosta probabilmente dallo spareggio per la seconda piazza contro il Lecce al Via del Mare: “La squadra è convinta di avere un’opportunità importante –ha sottolineato Castori- perché si vede dal loro impegno durante l’allenamento. Ci poniamo obiettivi settimanali e se li centri, alla fine puoi raggiungere l’obiettivo finale. Oggi abbiamo battuto una grande squadra a cui abbiamo concesso due tiri in porta. Siamo terzi in classifica e non prendiamo gol da sette giornate, sono i numeri a parlare. Ora c’è questa sosta –ha proseguito l’allenatore della Salernitana- in cui ne approfitteremo per ricaricarci di energie nervose per questo sprint di campionato. Da una parte serve per recuperare ed alleggerire la pressione, però abbiamo subito lo scontro diretto a Lecce che ci opporrà alla nostra avversaria più forte in una gara in cui ci giocheremo una grossa fetta del nostro obiettivo”. A spiazzare tutti è stato l’inserimento, nell’undici titolare, di Anderson e Gondo: “E’ una soluzione che avevo in mente –ha spiegato Castori- perché la costruzione del gioco del Brescia parte da dietro, per cui li abbiamo aggrediti alti ed avevo bisogno di calciatori che avessero queste caratteristiche. Anderson ha sfruttato le sue caratteristiche, Gondo secondo me è in grande condizione, riesce ad esprimere una intensità che fa bene a tutta la squadra, gli altri possono alternarsi. Non aver chiuso la partita prima non sempre è un male, l’1-0 è rischioso ma serve anche a mantenere alto il livello di attenzione, anche se meritavamo qualche gol in più per il gioco mostrato”. In conclusione Castori ha preferito glissare sul suo possibile rinnovo del contratto: “Parlarne credo sia ancora prematuro, non ne abbiamo parlato perché siamo mentalizzati per portare al termine al meglio questo campionato –ha concluso Castori- cercando di centrare il nostro obiettivo”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->