Casal Velino/Pagani/Cava. Estorsioni per le gite: arrestati un cavese e un paganese

Scritto da , 29 novembre 2015
image_pdfimage_print

PAGANI/CAVA/ASCEA/CASAL VELINO. Armatori a Casal Velino ma estorsori per contro una ditta concorrente per il noleggio di imbarcazioni nel porto cilentano. Con l’accusa di concorso in tentata estorsione, lesioni volontarie aggravate, violenza privata e tentata violenza privata , con stile mmafioso, i carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania hanno arrestato Davide Morinelli, 46enne originario di Cava dei Tirreni ( da alcuni anni residente a Casal Velino), e Gennaro Esposito, 60enne originario di Pagani e dimorante ad Ascea, entrambi soci in affari. Le indagini della Dda sono partite dalla denuncia dei titolari di una ditta concorrente degli indagati, per i fatti avvenuti dal giugno 2014 allo stesso mese del 2015 nel porto di Casal Velino. I due avrebbero tentato di costringere i titiolari delal ditta concorrente a rinunciare all’attività di organizzazione di gite turistiche con le imbarcazioni dal porto di Casal Velino, in maniera da «garantirsi loro il monopolio.
Morinelli ed Esposito sono stati già indagati dalla procura di Vallo della Lucania, per gli incendi di tre imbarcazioni, avvenuti nel periodo febbraio-maggio 2001 a Scario, e Morinelli anche dell’affondamento di una barca nel porto di Casal velino, di proprietà di un pescatore del luogo.gennaro esposito pagani casalvelino

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->