Cariello condannato a 6 anni e 4 mesi

Scritto da , 24 Luglio 2021
image_pdfimage_print

La seconda sezione penale del Tribunale di Salerno (presidente Lucia Casale), ha condannato l’ex sindaco di Eboli, Massimo Cariello, a 6 anni e 4 mesi di carcere, con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Cariello venne arrestato con l’accusa di corruzione circa nove mesi fa, subito dopo la sua elezione a primo cittadino. Il sostituto procuratore di Salerno Francesco Rotondo aveva chiesto al giudice 9 anni di reclusione. Massimo Cariello, accusato di numerosi episodi corruttivi nei Comuni di Eboli e Cava de’ Tirreni è stato difeso da Costantino Cardiello e Cecchino Cacciatore. Nello specifico, rispetto ai due capi d’imputazione, l’ex primo cittadino ebolitano è stato condannato a 4 anni e 4 mesi per corruzione ed a 2 anni per abuso d’ufficio, relativamente alla delibera ad hoc per aumentare l’indice di edificabilità di un terreno di proprietà dell’imprenditore caseario La Marca ed al concorso pubblico presso il comune metelliano. Nel caso tale condanna venisse confermata in Appello (preannunciato il ricorso dei legali Cecchino Cacciatore e Costantino Cardiello) e in Cassazione, per gli effetti della legge Spazzacorrotti si aprirebbero inevitabilmente le porte del carcere per Cariello.

pi.fe.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->