Carfagna a Renzi, Campania ripartita con Caldoro

Scritto da , 12 Maggio 2015
image_pdfimage_print

“Renzi forse non lo sa, ma la Campania è già ripartita grazie a Caldoro”: lo afferma Mara Carfagna, portavoce di Forza Italia alla Camera dei Deputati. “Matteo Renzi, ed il suo candidato alla presidenza in Campania – aggiunge Carfagna – la smettano di nascondersi dietro l’imbarazzo e ammettano che gli impresentabili e i trasformisti sono stati volutamente candidati in quanto portano voti per loro indispensabili per giocare questa partita. Non si possono più prendere in giro i campani e gli italiani è fondamentale dire la verità” “Giustifichiamo però Matteo Renzi – continua Carfagna – perchè non vive in Campania ed alcune cose non le sa. Il Premier forse non si è accorto, e nessuno gli ha detto, che la Campania è già ripartita, che Caldoro l’ha già rilanciata. Nonostante l’eredità pesantissima lasciata dalla giunta Bassolino. Dopo il governo del suo centrosinistra la Campania era la Regione più indebitata d’Italia, devastata da quello scandalo rifiuti che Bassolino non era riuscito a gestire e risolvere. Era la Regione con il più alto tasso d’emigrazione sanitaria ed intellettuale. Oggi, dopo l’amministrazione rigorosa ed efficiente di Caldoro, il deficit sanitario è stato azzerato, anzi è stato prodotto un avanzo di bilancio e sono stati pagati i debiti fatti da Bassolino e dal centrosinistra. Non sono state aumentate le tasse, ma sono stati trovati fondi per gli investimenti, come 50 milioni da destinare alla ricerca o il fondo per le università, così da fare in modo che gli atenei non debbano aumentare le rette a scapito degli studenti. Caldoro è un buon amministratore, non De Luca, che ha portato Salerno al predissesto finanziario, ha aumentato le tasse e ha inaugurato una serie di opere pubbliche che non sono state mai portate a compimento”. “Sarebbe opportuno – conclude Carfagna – che Matteo Renzi, sia come Premier che come segretario del PD, non vivendo in Campania e non conoscendo direttamente come stanno le cose, prima di parlare studiasse, onde evitare di dire sciocchezze. Bene invece la richiesta di confronto che fa Renzi, perchè è vero che il clima da guerra civile non serve a nessuno. La prima occasione di dibattito sarà proprio domani su Canale 5, a Matrix, dove i cittadini potranno farsi un’idea diretta sul Presidente e sul suo sfidante”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->