BusItalia, malcontenti interni a seguito delle decisioni assunte dalla Cgil e Uil

Scritto da , 22 Settembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

L’azienda Busitalia divide il mondo dei sindacati. E’ guerra interna, dopo quanto accaduto ieri mattina quando la Filt Cgil e la Uiltrasporti hanno accettato la nuova organizzazione aziendale per il trasporto pubblico su gomma in provincia di Salerno. Busitalia infatti ha presentato ai sindacati la nuova matrice di rotazione avente al suo interno oltre ai turni a ripresa anche le rimesse, ad eccezione dei capolinea. Secondo Di Lieto e Balzano per la Filt Cgil e Ottone e Quercitelli per la Uitrasporti, infatti, una più ampia motrice di rotazione consentirebbe una più equa distribuzione dei carichi di lavoro. I beninformati parlano però di “nuovi posti al comando” in cambio di un sì, come di fatto è avvenuto. Contrario all’accordo, la Cisl: “Teniamo molto al rapporto con i lavoratori e noi non firmeremo», ha dichiarato un sindacalista, amareggiato per quanto accaduto con la firma di un accordo che, ancora una volta, mette in difficoltà i lavoratori.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->