Business dei rifiuti: annullate le 18 richieste di rinvio a giudizio

Scritto da , 22 Maggio 2021
image_pdfimage_print

Il colpo di scena arriva all’interno della Cittadella Giudiziaria. Sul Business e rifiuti tutto da rifare: lo ha stabilito il gup del Tribunale di Salerno Mariella Zambrano che, accogliendo le eccezioni sollevate dalle difese, ha annullato le richieste di rinvio a giudizio a carico di 18 indagati coinvolti nel blitz di febbraio sullo smaltimento dei rifiuti denominato Gold business. Gli atti tornano al pm e si riparte dalla conclusione delle indagini.I coinvolti sono Antonio Romagnuolo di Battipaglia; Gaetano Romagnuolo, di Serre; Dalmazia Di Masi, di Serre; Pedrag Milovanovic, detto Pechi, di Serre; Giulio Ruscinito, di Altavilla Silentina; Vito Arietta, di Altavilla Silentina; Barbara Capuano, di Baronissi; Rocco Capuano, di Castel San Giorgio; Michele Acampora di Agerola (Napoli); Riccardo Iervolino, di Angri; Giuseppe Mainardi, di Angri; Francesco Visconte, di Pagani; Michele Della Peruta, di Maddaloni (Caserta); Vincenzo Della Peruta, di Maddaloni (Caserta), Gennaro Visiello, di Torre Annunziata; Santo Visiello, di Torre Annunziata; Rosa Battaglia, di Torre Annunziata; Giovanni Guariniello di Castel San Giorgio. Tutti rispondono, a vario titolo, di associazione a delinquere dedita al traffico e smaltimento illecito di rifiuti tossici, speciali e pericolosi. L’operazione “Gold Business” interessò le province di Salerno, Caserta e Napoli. Nata da una segnalazione dei cittadini, è proseguita attraverso un’imponente attività di intercettazione telefonica e servizi di osservazione e controllo del territorio. Il blitz dello scorso mese di febbraio portò anche al sequestro di tre aziende ubicate in Sant’Egidio del Monte Albino, Castellammare di Stabia e Scafati, 6 autocarri, 1 mezzo agricolo ed 1 escavatore utilizzato per il tombamento dei rifiuti ed oltre 25.000 metri quadri di terreni adibiti a discarica abusiva. Il fatturato dell’illecita attività è stata quantificata in circa un milione di euro. Il sodalizio criminale, con a capo i Romagnuolo, padre, madre e figlio, era volto al trasporto e allo smaltimento illecito di rifiuti per lo più speciali, prelevati con mezzi di trasporto non autorizzati presso imprese produttrici del settore “gestione rifiuti speciali”, “spurgo pozzi neri”, “conserviero” e “conciario”a fronte di un compenso tra i 1.000 ed i 3.000 euro a carico, con successivo sversamento e tombamento nei terreni agricoli e in zone sottoposte a vincoli e riserva naturale, che diventavano discariche abusive, tossiche e pericolose. Il blitz scattato a febbraio aveva portato all’arresto degli indagati e al sequestro di numerose aziende operanti nel settore dei rifiuti. Ieri il colpo di scena con l’annullamento della richiesta di processo firmata da Giancarlo Russo della Dda salernitana e annullata dal gup Mariella Zambrano. “Il processo riparte dalla notifica dell’avviso conclusione delle indagini preliminari avendo il Gip annullato la richiesta di rinvio a giudizio- dice l’avvocato Giovanni Vitale-, va però considerato che per i miei assistiti già in sede di applicazione di misura interdittiva ex legge 231 l’organo giudicante aveva rigettato le richieste della Procura di Salerno ritenendo fondate le argomentazioni difensive”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->