Barbagallo: Start up innovative, Salerno in crescita

Scritto da , 22 novembre 2015
image_pdfimage_print

284 risulta la seconda provincia della Campania per vivacità imprenditoriale. “Gli ultimi dati di Infocamere mostrano un’accelerazione a Napoli e Salerno caratterizzata soprattutto da una prevalenza delle start up a conduzione giovanile che sono quasi un quarto del totale – commenta Carlo Barbagallo, ex presidente dei Giovani di Confindustria Campania e amministratore unico di Cofiba, azienda casertana leader nella bonifica del territorio -. E’ esattamente da qui che bisogna partire per rilanciare lo sviluppo in Campania”. Salerno seconda provincia campana per start up ad alto contenuto tecnologico. Come va interpretato questo dato? Comincia a rafforzarsi sia a Napoli, che risulta quarta in Italia e unica città del Sud nella top ten delle province protagoniste della crescita delle start up innovative in Italia, che nella provincia di Salerno – nonostante un contesto negativo tra costo del denaro e pressione fiscale record – una voglia di fare impresa che non ha paura di scommettere sull’innovazione e che parla un linguaggio giovane, dinamico e ipertecnologico. Allo stato si tratta dell’unico vero antidoto alla crisi soprattutto perché è in queste nuove realtà che si profilano le maggiori opportunità occupazionali. Nelle start up giovani si assume di più? Secondo previsioni recenti di Infocamere, 3 start-up innovative su 4 hanno intenzione di accrescere il proprio personale entro la fine dell’anno. Lo cercano, però, di profilo altamente qualificato, prevalentemente con formazione ingegneristica e scientifica, e già sanno che, in 6 casi su 10, avranno enormi difficoltà a trovare la persona giusta. La formazione di figure specializzate diventa per le aziende il vero elemento distintivo, capace di fare la differenza in termini di competitività e di capacità di rimanere sul mercato dopo esserci entrati. Ed è su questo elemento che dovranno investire per il futuro e, sempre in misura maggiore, tanto le aziende quanto le istituzioni pubbliche. Start up innovativa in Campania è sinonimo di impresa giovane? Sono soprattutto i giovani quelli che manifestano la più forte propensione imprenditoriale. Quasi un quarto delle nuove start up sono guidate da under 35 e le società in cui almeno un giovane è presente nella compagine societaria sono più del 40 per cento del totale. Non dimentichiamo che la Campania detiene anche il primato dell’autoimprenditorialità giovanile: ogni mille under 35 residenti nascono 3,2 imprese. Un dato che va anche letto nell’ottica di una maggiore flessibilità e fantasia dei campani, e in genere del popolo del Mezzogiorno, a rispondere alle criticità economiche in maniera dinamica. In Campania la creazione un numero maggiore di imprese da parte dei giovani non è piuttosto la risposta all’assenza cronica di lavoro? Certo è innegabile che la capacità di reinventarsi tutta meridionale sia strettamente legata ai dati sulla disoccupazione reale che in Campania supera ampiamente il tetto del 50 per cento.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->