Bar, stop alla musica alle 24. Bocciate le deroghe di Loffredo

Scritto da , 17 gennaio 2015
image_pdfimage_print

Stop alla musica alle 24 per bar e ristoranti di Salerno. Dalla mezzanotte in poi gli impianti sonori dovranno restare spenti sotto gli occhi attenti delle forze dell’ordine ed in particolare dei vigili urbani. Chi sbaglia pagherà fino alla seconda ammonizione con multa, poi al terzo “avvertimento” sarà chiusura e revoca della licenza. La stretta sulla “movida rumorosa” è stata decisa ieri, nel corso del vertice di maggioranza durante il quale sono stati discussi gli argomenti che approderanno in aula consiliare il 20 gennaio. Non passa la linea morbida di alcuni consiglieri ed assessori comunali che avrebbe desiderato un regolamento più favorevole ai locali notturni. Niente deroghe, però, nonostante la richiesta formulata dal consigliere comunale Dario Loffredo, nonché di alcuni esponenti della giunta. L’unica concessione pare sia stata fatta al Bogart che potrà far musica fino all’una di notte. Per il resto a mezzanotte la musica dovrà smettere. Scongiurata, invece, la chiusura obbligatoria dei locali: potranno restare aperti anche di notte ma senza arrecare disturbo ai cittadini, soprattutto ai residenti del centro storico di Salerno. C’è anche chi avrebbe proposto l’obbligatorietà di insonorizzare il locale, prendendo ad esempio una nota discoteca di Cava de’ Tirreni che si trova proprio nel cuore della vallata metelliana. Ma a quanto pare anche questa proposta sarebbe stata accantonata in considerazione degli elevati costi previsti per gli interventi di insonorizzazione. Insomma questo dovrebbe essere, salvo sorprese – considerato il malessere di alcuni consiglieri comunali di maggioranza – il regolamento sui bar e sulla movida che sarà all’esame del prossimo Consiglio comunale. (andpell)

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->