“Attivisti per Salerno”, in campo la lista civica del Meet Up per amministrative

Scritto da , 14 Luglio 2021
image_pdfimage_print

di Davide Gatto

 

Si chiama “Attivisti Per Salerno” la lista civica che nasce per le elezioni comunali salernitane del 2021. Una lista che vede in primo piano l’attività del Meetup di Salerno, il quarto Meetup in ordine cronologico, nato anni prima di tanti Meetup italiani (il primo fu aperto a Milano, il secondo a Genova) , e un mese prima del Meetup del capoluogo. La lista dichiara il suo unico obiettivo: “Migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini di Salerno e dare una vera alternativa ad un amministrazione deluchiana che impantana questa città da troppi anni”. Sono stati per anni la “palestra di cittadinanza attiva” per decine di migliaia di cittadini in Italia, prima che il Blog di Grillo iniziasse, nel 2009, a presentare un simbolo unitario, quello del Movimento 5 Stelle. A Salerno gli attivisti, in una recente riunione, si sono decisi a raccogliere le adesioni e fare da sé, in una iniziativa che, sorprendentemente, ha visto sufficienti adesioni per una “lista del Meetup”. Manca il nome del candidato Sindaco, ma si è già specificato che il candidato verrà scelto tra chi per anni si è distinto nelle varie battaglie a favore dei temi storici del movimento. Legalità, Ambiente, Civismo, Trasparenza, Cultura. In questi mesi l’alternarsi di “colonelli” e simboli in contrapposizione alla corazzata di centro sinistra, ha sortito l’effetto di visualizzare tanti piccoli “De Luca” che hanno avuto la indesiderata funzione di materializzare una versione “di opposizione” della figura del presidente della Regione, figure che, non fanno altro che riproiettare l’Originale ancora più grande di prima. Manca un percorso condiviso, o, almeno non viene percepito. Questa pare essere la percezione degli attivisti che, di norma, avrebbero dovuto candidarsi alla corte del neo nato partito di Giuseppe Conte, e che, oggi, rinunciano ai giri di valzer “sotto le stelle” e dichiarano di preferire il “ballo solitario” ad una spirale di giravolte che inevitabilmente li condurrà nella fossa deluchiana. Francesca D’Antonio, Consulente in Marketing e Comunicazione, Meetuppara prima a Madrid e poi a Salerno dichiara: “I Valori non sono facili da trasmettere in casa d’altri. L’unico modo per portare avanti i principi delle battaglie storiche del meetup è di fare da soli, poi, parliamoci chiaro, un vero fronte antideluchiano in città non c’è mai stato.” Gianluca Foselli, Medico Dentista di 43 anni e attivista dai primi mesi del Movimento 5 Stelle. Come mai una grande adesione di candidati al progetto del Meetup? “Molti progetti a Salerno sono nati dal personalismo, molti progetti sono nati in poco tempo, il Meetup di Salerno è nato nel 2005. Non era scontato, ma ci fa piacere, erano presenti simpatizzanti ma anche cittadini che, negli anni, abbiamo incontrato ai gazebo. Abbiamo registrato un vero desiderio di azione da parte dei cittadini e questo ci ha fatto capire che gli altri hanno fatto l’errore di cadere”. Mario Granozio, Storico commerciante salernitano, dichiara: “Ho partecipato attivamente per anni nell’organizzazione del movimento. Mi è sembrato naturale propormi come candidato anche in quest’ultima battaglia”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->