Asl Salerno: 330 medici dovranno resituire 7 milioni di euro di Alpi

Scritto da , 5 Agosto 2015
image_pdfimage_print

DA LE CRONACHE OGGI IN EDICOLA

TUTTI I PARTCOLARI DELL’INCHIESTA. UN AMMINISTRATIVO MINACCIATO, IL CALO DEL CONTROLLI

Al centro dei controlli l’attività libero professionale. Le irregolarità negli ospedali Nocera, Pagani, Vallo e Eboli

NOCERA INFERIORE. E’ mai possibile che accadono cose simili ancora oggi?- Sono circa 330 i medici in servizio principalmente all’ospedale di Nocera Inferiore e in quello di Pagani, oltre che a Vallo della Lucania e, in misura minore ad Eboli, che avrebbero eseguito Alpi e straordinari senza che fossero stati autorizzati a farlo. In più, sarebbero state evidenziate altre irregolarità, come la mancata timbratura dei cartellini, gli elenchi dei turni dis ervizio che non si trovano, nessun giustificativo del perchè effettuare straordianri o Alpi e tanto altro ancor come la mancata autorizzazione di molte determine di liquidazione delle ore di lavoro effettuate oltre quelle contrattuali. E proprio l’Alpi, l’attività libero professionale che i medici prestano oltre l’orario nomrale da contratto, ad essere finito al centro delle inchieste dei carabinieri dei Nas, dell’ispettorato del lavoro di Salerno e di diverse procure prima e poi, ora, con il lavoro della commisisone voluta dal direttore generale dell’Asl Salerno, Antonio Squillante,  e composta da Luigi Lupo, Luigi Grimaldi e Maria Rita Ciliberto, tre direttori amministrativi.
La commisione ha lavorato dopo che per lugo tempo gli ispettori della direzione territoriale del lavoro di Salenro avevano indagato assieme alcuni funzionari dell’ufficio personale. Il pool investigativo, già lo scorso anno, aveva scoperto le irregolarità e le aveva denunciate alle procure di Nocera e Salerno.
Il lavoro della commisione dell’Asl  ha concluso la prima tranche relativa agli anestesisti del presidio Nocera-Pagani. Ventuno quelli che dovranno restituire in totale 441mila euro e c’è anche chi per parte sua deve ridare alle casse dell’Ente 104mila euro.
Gli ispettori prima e i commissari dopo hanno trovato che, in soldoni, in molti casi, sulla carta veniva effettuata l’attività libero professionale senza che nessuno l’avesse autorizzata o, quando pagata, non c’erano le autorizzazioni alla liquidazione. I controlli erano insufficienti o assenti. Tutto questo non consente di chiarire se i medici anestesisti abbiano o meno effettivamente svolto le ore di lavoro eccedenti e se fossero state pagate come straordinario o Alpi.
Dalla documentazione e dalle dichiarazioni rese ai commissari  emerge inolttre che alle ore prestate dal medico venivano sottratte quelle da contratto e quelle in eccedenza venivano liquidare direttamente come Alpi a 60 euro l’ora, di più che per lo straordinario..
Una serie di irregoalrità che portano i commissari a dire che  i medici devono restituire le somme percepite a fronte  di prestazioni lavorative eccedenti, anche se sono state effettivamente rese, ma che comunque, non risultano giustificate.

I 21 anestesisti possono anche opporsi ai risulati della commisione di verifica e rappresentare le loro ragioni.
Alcuni giorni fa, l’accordo tra Asl e gli anestesistiti per pagare loro gli arretrati per lo starordinario effettuato. Chissà se questo provvedimento avrà un peso sulla liquidazione .

«Una gestione di caos amministrativo gestionale degli anestesisti»

NOCERA INFERIORE. «La Commissione non può fare a meno di rilevare una -evidente situazione – al tempo di caos amministrativo/gestionale che, probabilmente si era consolidata negli anni e che si sostanzia nelle presenza» di diverse criticità. La Commisisone interna all’Asl definisce addirittura caotica la gestione dell’Alpi.
Ci sarebbe stata un’abitudine consolidata a disattendere le disposizione impartite dalla Direzione, scarsi controlli sulle procedure sia di competenza sanitaria che amministrativa, l’inosservanza diffusa del codice di comportamento  e dei conseguenti obblighi da medici anestesisti che, fatte le debite eccezioni, sistematicamente hanno omesso di marcare il cartellino marcatempo.
Per i commissari è possibile ceh qualcuno non abbia timbrato per dimenticanza ma c’è chi lo ha fatto ripetutamente e quindi pensare auna dimenticanza è difficile. Comuqne pure se tutti i medici avessero effettuato le prestazioni pagate ciò non è dimostrabile per la mancanza dei giustificativi della mancata timbratura e per la mancanza di un formale turno a consuntivo di queste attività. Non c’è traccia di contrattazione preventiva sulla attività aggiuntiva da espletare da parte degli anestesisti né dell’autorizzazione preventiva alle prestazioni da parte del direttore sanitario e responsabile del servizio. Non sono stati trovati giustificativi validi per le mancate timbrature ed i cambi di turno. E poi risulterebbero provvedimenti di liquidazione doppioni e di dubbia validità perchè non registrato nelle registro delle determine ed altro

La Cgil chiede maggiori controlli anche per le attività esternalizzate

Purtroppo i controlli dimuniscono. la Cgil confederale, nei giorni scorsi, ha incontrato il direttore dell’ispettoratod el lavoro di salerno, sollecitandolo a riattivare controlli sulla sanità pubblica e quella accredittata. La sindacalista Maria Di Serio (nella foto) ha cheisto in particolare di effettaure controlli nelle attività esternalizzate dall’Asl salerno dove, sembra, che non vengano rispetatte le più elementari di assunzione e trattamento retributivo. In alcuni casi, addirittura, si farebbe ricorso a partiote Iva che mascherano veri e propri rapporti di lavoro dipendente, tutto ciò in particolare per infermieri, terapisti della riabilitazione e operatori socio sanitari, i cosiddetti Oss.
La speranza che i controlli dell’ispettorato non crollino anche nei confronti dei medici, la cui facilità  a fare gruppo è elevata a protezione della loro categoria.
Va rafforzata la sinergia tra ispettorato del lavoro e forze dell’ordine, avvalendosi anche della collaborazione di personale dell’Asl Salerno (a cui è stata conferita la delega di polizia giudiziaria) a continuare questa attività di controllo, nel momento in cui le misure del Governo nazioanle tese a razionalizzare la spesa sanitaria, taglieranno i fondi a disposizioen della sanità e gli sprechi o il malaffare diventerebbero ancor più insopportabili per la gestione del servizio, tutto a discapito dei cittadini.
La speranza è che il cambio della guardia all’Asl Salerno non induca a rivedere la politica dei controlli in atto

Ancora al palo le inchieste sulle minacce ad un dipendente e sugli accessi abusivi
al sistema informatico

NOCERA INFERIORE. Ancora in alto mare, sembrano, due incheiste, una alla procura di Nocera Inferiore e una alal Dda di Salerno. Al pm Federico Nesso è affidata anche l’indagine sui biglietti minatori indirizzati ad un funzionario dell’Asl che sta lavorando da due anni sull’ìattività effettivamente svolta e retribuita ai dipendenti amministrativi e medici del Dea di terzo livello di Nocera-Pagani. Ad uno dei “verificatori”,infatti,  Francesco Buoninconti, dipendente amministrativo dell’Asl Salerno che ha verificato gli orari di servizio e delle retribuzioni accessorie (straordinarie e Alpi) nei due ospedali di Nocera Inferiore e di Pagani, ed impegnato nell’attivazione del nuovo sistema di rilevazione presenze nei due presidi ospedalieri, sono state rivolte pesanti minacce. L’attività potrebbe aver dato fastidio a qualcuno tant’è che nel pomeriggio del 10 marzo scorso, il “verificatore” trovò sul lunotto posteriore della sua auto parcheggiata all’interno dell’ospedale “Umberto I” un biglietto minatorio dove si nominava anche la sua famiglia e veniva indicato il suo indirizzo di casa. E non sarebbe stato il primo evento del genere: altri biglietti minatori erano stati recapitati allo stesso dipendente, “invitato” ad andare via dall’ospedale.
Un episodio alla luce dei risultati dell’inchiesta su lavoro straordinario e Attività libero professionale intramuraria nei due presidi sanitari dell’Agro diventa ancor più inquietanti.
L’altra inchiesta è quelal delal dda salernitana sugli accessi forzati ed abusivi al sistema informaticoi dell’Asl di salerno per attribuirsi lavoro straordinario e Alpi mai effettuato e mai autorizzato, con notevole danno per l’azienda sanitaria.

 

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->