Antonio Cammarota: “Dobbiamo far riaprire tutti i negozi”

Scritto da , 15 Aprile 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Il candidato a sindaco Antonio Cammorata, scende nuovamente in campo in difesa dei commercianti salernitani. L’avvocato salernitano anche ieri, nel corso del consiglio comunale ha ribadito a chiare lettere che la cosa più importante è quella di far rialzare le saracinesche con una liquidità immediata. “In questo senso si fanno e si devono fare le cose – spiega Cammarota – Serve concretezza. Ho proposto in consiglio comunale la sospensione di ogni tributo, tassa e, o sanzione ad iniziare dalla tassa sulla pubblicità a finire alla tari e alla tassa di occupazione di suolo pubblico. Ma non solo ho proposto di consentire a tutti i ristoratori di utilizzare, quanto più possibile i suoli pubblici, ovunque essi siano, con buona pace di tutti, perchè all’aperto, oramai è stato accertato, il covid non si prende, o comunque i casi sono minimi. Il comune ha il possesso delle municipalizzate, ed anche per questo ho chiesto di sospendere le richieste di fornitura idrica”. Il consigliere comunale Cammarota, da settimane propone al Comune di Salerno di adottare misure di sostegno per i commercianti ed anche per il rilancio del settore. “Per il rilancio del settore e per invogliare anche le persone ad effettuare acquisti nei nostri negozi si potrebbe far sì che chi si presenta al parcheggio con uno scontrino anche minimo, ha uno sconto di un’ora si sosta. Senza contare che da tempo chiedo di utilizzare i soldi di luci d’artista, che ogni anno vengono anche utilizzati per la manutenzione ordinaria dell’illuminazione pubblica, vengano gestiti, nella logica della cassa, per l’immediato ristoro e quindi istituire un fondo etico di solidarietà che consenta ai commercianti di poter far fronte alle rate del mutuo, ai canoni di locazione, che lo sappiamo bene, non verranno certamente sospesi da una legge dello Stato. Un fondo del genere potrebbe evitare gli sfratti, perchè è vero che al momento sono bloccati, ma non sono bloccate le convalide, queste verranno poi eseguite dopo creando ulteriori problematiche ai commercianti che non potendo pagare si vedranno costretti a chiudere le loro attività”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->