Al voto tra i veleni Imprese spaccate Il ruolo della politica

Scritto da , 29 giugno 2018
image_pdfimage_print

Ance Aies Salerno va al voto tra veleni e divisioni. Stamattina c’è l’assemblea generale per il rinnovo del consiglio e la scelta del presidente. Ieri il presidente del collegio dei probiviri, Americo Montera, parlando con Cronache ha detto che “bisogna chiedere direttamente all’associazione se le urne saranno aperte, noi per il momento abbiamo aperto l’istruttoria sulle contestazioni”. Sono infatti pendenti dei ricorsi, il primo dei quali è stato presentato da Roberto Scermino, lo sfidante del presidente uscente Vincenzo Russo per la guida dell’associazione, che lamenta delle irregolarità nella composizione della lista. Successivamente anche Russo ha presentato una riserva sull’elenco di nominativi che appoggiano Scermino. I probiviri si sono riuniti mercoledì sera e hanno preso atto delle contestazione, ma per decidere avranno bisogno di un po’ di tempo. Un ostacolo che però non ferma la macchina organizzativa. Oggi, quindi, si conoscerà il nome del presidente e con esso quello dei consiglieri che andranno a comporre il direttivo. Le grandi aziende del territorio pare siano schierate al fianco di Russo ma questo potrebbe non bastare per garantirgli la conferma, visto che su Scermino stanno convergendo molti voti delle imprese che maggiormente avvertono il peso della crisi e che hanno dimensioni ridotte e un orizzonte lavorativo locale. Non sono mancate le polemiche alla vigilia dell’appuntamento elettorale. A molti non è piaciuta la presenza, all’incontro con i sostenitori organizzato da Russo all’hotel Lloyd’s Baia di Vietri sul Mare, del consigliere regionale e presidente della commissione Bilancio del parlamentino campano, Franco Picarone, e del consigliere comunale ex Forza Italia, ora Lega, Peppe Zitarosa. Molti hanno visto in questa doppia presenza una indebita ingerenza da parte della politica ma non c’è di che stupirsi. Spaccati anche i membri interni con il presidente della Cassa Edile di Salerno, 3.200 imprese affiliate, Mimmo Iennaco che ha deciso di schierarsi con Scermino. Un altro dirigente, il vice presidente di Edil Sicura, Gaetano Carratù, appoggia invece la candidatura di Russo. Questo per dire della situazione di grande incertezza che regna all’interno dell’associazione dei costruttori affiliata ad Ance. Per conoscere le liste, invece, bisogna recarsi direttamente in associazione oggi dal momento che nè i diretti interessati nè il direttore di Ance Aies Salerno, Giovanni Veneri, hanno voluto rendere pubblici i nomi degli imprenditori candidati ad un posto nel nuovo consiglio direttivo. In nome di quelle procedure burocratiche che tanto si contestano alle amministrazioni pubbliche e che, in questi contesti, sono ancora più tortuose.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->