Agro nocerino. Occupato il Consorzio di Bonifica

Scritto da , 22 novembre 2015
image_pdfimage_print

NOCERA/PAGANI. Consorzio di bonifica al collasso: dipendenti in protesta, da 5 mesi senza stipendio venerdìanno bloccato il traffico e creato momenti di agitazione a Nocera ed anche nella stessa sede della struttura. Da ieri pomeriggio, o meglio dalla fumata nera all’incontro in Regione, è stata decisa l’occupazione della struttura di via Atzori a Nocera ad oltranza. I dipendenti, circa 167, sono in presidio permanente nella sede del Consorzio e attendono risposte o la protesta potrebbe degenerare in un lungo sciopero.
IL FATTO – Non se la passano bene i dipendenti dell’Ente consortile che oramai, da quando è andato via l’ex commissario straordinario Antonio Setaro dicono di sentirsi un po’ abbandonati a se stessi. I dipendenti pubblici infatti erano già da mesi ben consci dei problemi della struttura: i debiti che la Regione ha nei confronti dell’Ente nocerino, i debiti che vantano i comuni, i problemi gestionali e il recupero crediti tuttora in corso. Nessuno sembra più interessarsi a quello che sta accadendo. Il Consorzio con la gestione regionale di Vincenzo De Luca ha cambiato commissario e la new entry è il sarnese Mario Rosario D’Angelo. Il professionista, suo malgrado, non ha avuto ancora il tempo di rendersi conto della situazione ma intanto il tempo passa ed i soldi non arrivano. I dipendenti oramai sono sul lastrico: devono riscuotere ancora metà mensilità del mese di marzo e poi gli stipendi di luglio, agosto, settembre, ottobre e novembre. Insomma, il “pane quotidiano”. Davanti alle forti proteste di ieri e quelle minacciate per i prossimi giorni, ieri pomeriggio c’è stato l’incontro tra commissario e vertici regionali per decidere il da farsi e soprattutto per capire se davvero il nuovo governo regionale vuole salvare oppure no. In bilico c’è il futuro di 170 famiglie, non solo quello di 170 dipendenti.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->