Aggressione al Ruggi, la famiglia si difende dalle accuse

Scritto da , 2 Novembre 2020
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

“Nostra nonna non può essere morta di Covid, eravamo nella stanza con lei e c’erano le forze dell’ordine”. Si difende dalle accuse la famiglia Del Giorno dopo la denuncia per interruzione di pubblico servizio e sanzionati per violazione delle norme anticontagio. “Non volevamo portare nostra nonna a casa, volevamo conoscere gli esiti del tampone”, hanno dichiarato Armando e Manuela Del Giorno, nipoti di L.R. classe 35. La donna la notte tra sabato e domenica era stata trasportata al Ruggi, a causa di complicazioni sorte per il suo problema ai polmoni. La signora, infatti, già da tempo era costretta a convivere con la bombola d’ossigeno.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->