De Luca, al lavoro per evitare di richiudere la Campania

“Facciamo riunioni ogni 48 ore con i direttori generali delle Asl, vogliamo mantenerci attenti per evitare di richiudere la Campania, danneggiando l’economia e non chiudere ospedali”. Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca nella sua ultima diretta del venerdi’ sui social del 2021. “Ricordo che avevamo chiuso lo scorso anno – ha detto – gli ospedali Loreto Mare, San Giovanni Bosco, Cardarelli, di Boscotrecase, del Ruggi a Salerno, eliminato attivita’ non di emergenza per ospitare pazienti covid. Per questo oggi lavoriamo per evitare danno a chi ha altre patologie, andiamo cosi’ fino a quando potremo reggere. Rispetto a un anno fa, ricordo, ci sono anche centinaia di dipendenti in meno perche’ andati in pensione e buona parte del personale sanitario viene bloccato perche’ ha moglie, figlio, parente positivo e quindi e’ in quarantena. Quando ci saranno misure di contagio piu’ evidenti ci saranno misure drastiche negli ospedali, senza togliere assistenza ai malati gravi di altre malattie e dedicando reparti a donne che devono partorire”.




Salernitana, magnate americano in vantaggio sulle altre tre cordate

I trustee della Salernitana stanno valutando quattro offerte ritenute valide. La prima è quella di un fondo americano, riconducibile ad un magnate già operante nel settore calcio, e innamorato della Costiera Amalfitana, di cui ne abbiamo già parlato nei giorni scorsi, che ha presentato un’offerta tra i 20 e i 25 milioni di euro. Stamattina ha presentato la sua offerta vincolante anche l’imprenditore Danilo Iervolino che si è fermato tra i 10 e i 13 milioni d’euro più bonus, ed ha confermato la volontà di non fare ulteriori rilanci. La terza è quella del gruppo Cerruti – Rispoli tra i 13 e 15 milioni d’euro. La quarta offerta, è invece, quella presentata dal notaio Orlando. Ora bisogna solo attendere la decisione dei trustee e la loro eventuale comunicazione alla Federazione. Il bilancio della Salernitana sarà approvato il 4 gennaio, data di convocazione dell’assemblea




Capodanno: Ordinanza Salerno, ‘Botti’ vietati dal 31 dicembre al 7 gennaio

Il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, ha firmato un’ordinanza con la quale si dispone “il divieto assoluto, nel periodo tra il 31 dicembre al 7 gennaio 2022, di accensione, lancio e sparo di fuochi d’artificio”. Nell’ordinanza si sottolinea che “l’attività abituale di accensione di fuochi pirotecnici e petardi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno e l’Epifania, unitamente al rumore provocato dalle relative deflagrazioni, ove esercitata in modo incontrollato e senza precauzioni può essere causa di pericoli e danni a persone, animali, cose e all’ambiente”. Il divieto non è limitato al solo Capodanno ma è esteso fino al 7 gennaio perché “tale attività è solita essere praticata anche nelle giornate precedenti e successive a quelle del 31 dicembre, nonché dell’1 e del 6 gennaio”. Sono previste sanzioni fino a 500 euro. L’ordinanza emessa dal sindaco di SALERNO è l’ultima in ordine di tempo di una serie di ordinanze di divieto di accensione di fuochi d’artificio a Capodanno firmate da molti sindaci della Campania, a partire da quelle del sindaco di Avellino Gianluca Festa, firmata il 29 dicembre, e del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, firmata ieri.




Un anno di politica. Dalle Terme alle elezioni

Ridare vita alle terme Campione-Caruso. È l’appello lanciato da Luciano Conforti, ex assessore al Lavoro del Comune di Salerno ed ex consigliere comunale nelle file del Pdl. Da consigliere comunale, negli anni dal 1997 al 2000 ha infatti tentato di recuperare le antiche terme, ormai finite nel dimenticatoio. Tante le battaglie condotte in occasione dei Consigli Comunali e Commissioni Consiliari, focalizzate al recupero delle ex Terme.

FEBBRAIO

Mara Carfagna nomina un deluchiano e, in Forza Italia, scoppia la polemica. Piercamillo Falasca è stato infatti nominato da Mara Carfagna suo consigliere al ministero per il Sud e la coesione territoriale. “Sono emozionato e onorato della proposta”, disse il diretto interessato. “Con la pandemia in corso, aiuterò come potrò la Ministra Carfagna nel compito importante e delicato che le è stato assegnato”.

MARZO

Avviato l’iter per la realizzazione di un nuovo stabilimento delle Fonderie Pisano nel territorio di Buccino. I vertici dell’azienda hanno incontrato il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli e dirigenti della Regione per delineare il percorso da intraprendere. Scelta questa contrastata fin dal primo momento dal sindaco di Buccino Nicola Parisi.

APRILE

L’avvocato Michele Tedesco riceve la proposta di candidatura da alcuni partiti di centrodestra. Sul suo nome non si riesce a trovare l’unità e dopo numerosi tira e molla arriva la conferma: un passo indietro vista l’indecisione dei partiti. Tedesco aveva incassato anche il sostegno del gruppo Oltre che si era detto disponibile ad avviare un percorso insieme ma il rischio era però rinunciare ai simboli di partito.

MAGGIO

Il Comune di Salerno a rischio fallimento. Complice le mancate entrate dovute alle “operazioni” dell’amministrazione Napoli per aiutare le attività commerciali e i benefici che, a dispetto dello scorso anno, non sono stati concessi ai Comuni, anche Salerno è tra i primi posti in classifica per i conti in rosso. A rimetterci, in particolare, gli eventi estivi, per mancanza di fondi infatti l’Arena del Mare ospiterà solo lo Charlot

GIUGNO

Aleida Guevara, figlia di Ernesto “Che” Guevara arriva in Italia. La prima tappa il Comune di Cava de’ Tirreni e, successivamente, a Salerno, presso la Casa della Sinistra, per partecipare ad un dibattito sul diritto alla salute. La visita nel salernitano di Aleida Guevara è stata organizzata dal circolo Giangiacomo Feltrinelli, associazione nazionale Italia Cuba.

LUGLIO

In piena campagna elettorale il leader della Lega Matteo Salvini arriva in città. Era il 2 luglio, un caldo torrido: il leghista incontra in un bar del centro cittadino i partiti della coalizione per fare il punto della situazione; successivamente, sul lungomare per incontrare militanti e sostenitori. Non mancano le contestazioni, tra cori e fischi da parte degli esponenti della sinistra locale.

AGOSTO

La pornostar Priscilla Salerno annuncia la volontà di scendere in campo e sostenere il centrodestra. Da Forza Italia arriva lo stop, il Nuovo Psi si dice pronto ad accoglierlo mentre l’Udc prova a non sbilanciarsi particolarmente. No anche da Fratelli d’Italia ma è Michele Sarno a scrivere la parola fine: la candidatura al consiglio comunale non ci sarà perché si rischia di spaccare la coalizione.

SETTEMBRE

Nove candidati alla carica di sindaco per la città di Salerno. Il centrosinistra si presenta unito, il centrodestra – dopo mesi di caos – trova un accordo e raggiunge l’unità mentre la sinistra si spacca: la fetta più grande scende a sostegno di Elisabetta Barone che incassa il sì del Movimento 5 Stelle: i pentastellati per la prima volta entrano in consiglio comunale e tentato la scalata verso Palazzo Sant’Agostino.

OTTOBRE

Complice l’inchiesta della Procura di Salerno che vede tra gli indagati il sindaco Vincenzo Napoli Palazzo di Città diventa inaccessibile. L’assessore Tringali a lavoro per la stesura di un regolamento che possa disciplinare l’accesso al Comune. Pochi giorni dopo l’incontro, organizzato dalla sinistra, Salerno a Porte chiuse con giornalisti di stampo nazionale e la nostra redattrice Erika Noschese.

NOVEMBRE

La riconferma del sindaco Vincenzo Napoli, l’inchiesta di Salerno e le tante difficoltà hanno rallentato i lavori in consiglio comunale. Il 13 novembre, a Palazzo di Città, la proclamazione degli eletti, in un clima quasi surreale. Entra, con il riconteggio, Gianluca Memoli che toglie il seggio a Per i Giovani e la Comunità, la lista messa in campo da Giuseppe Gallozzi, nipote di Agostino.

DICEMBRE

Figlio del ras delle cooperative sociali, Zoccola junior si difende dalle accuse e racconta la sua verità. Suo padre Fiorenzo, è finito in carcere e dinanzi al pm ha raccontato i rapporti tra la politica salernitana e le cooperative sociali. L’inchiesta ha portato ai domiciliari anche l’ex dirigente Luca Caselli e il consigliere regionale Nino Savastano, oggi sospeso. Al suo posto è subentrato Nello Fiore.




Un anno di giudiziaria. Politica nella bufera tra arresti e indagini

Divieto di dimora nel territorio comunale per il sindaco di Casal Velino, Silvia Pisapia, indagata dalla Procura di Vallo della Lucania per i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, abuso d’ufficio e falsità ideologica. Eseguita l’ordinanza applicativa emessa dal Tribunale di Vallo della Lucania al termine di una “Lunga e complessa attività d’indagine svolta dall’Arma dei carabinieri sotto la direzione della Procura vallese”

FEBBRAIO

E’ morto “‘o professore” Raffaele Cutolo, fondatore della Nuova camorra organizzata (Nco) all’ospedale Maggiore di Parma. Nell’ultimo periodo era stato più volte trasferito dal carcere al reparto ospedaliero. L’ultima volta che ha fatto parlare di se’ è stata a metà 2020, per la complessa vicenda legata alla sua malattia e alla circolare del Dap a marzo che consentiva a detenuti anche al 41 bis di andare ai domiciliari.

MARZO

Due anni e otto mesi di reclusione e la revoca della patente: questa la condanna comminata giovedì 18 marzo 2021ad Antonio Marotta, oggi 25 anni, di Borgomanero, per aver causato la morte, a soli 23 anni, Armando Petrillo, di Cureggio, che trasportava nella sua auto, al culmine di una tremenda uscita di strada ad alta velocità e con l’aggravante di essersi messo alla guida sotto l’effetto di alcool e sostanze stupefacenti.

APRILE

Procedure di gara, assegnazioni, affidamenti e gestioni sotto la lente della Procura di Salerno. Il sostituto procuratore ha ottenuto la proroga delle indagini per 18 vicende che riguardano il territorio di Eboli. Iscrizione sul registro degli indagati di ben 41 persone. L’avviso di proroga delle indagini è stato notificato tra gli altri a Massimo Cariello, Giuseppe Barrella, Damiano Bruno, Anna Buoninfante, suocera di Cariello

MAGGIO

Condannati in primo grado i genitori della bimba di otto mesi morta, nel giugno del 2019, in un’abitazione di Sant’Egidio del Monte Albino. I giudici della Corte di Assise di Salerno, hanno inflitto l’ergastolo a Giuseppe Passariello e 24 anni di reclusione a Immacolata Monti genitori della piccola, deceduta nella notte tra il 21 e il 22 giugno di due anni fa, a Sant’Egidio del Monte Albino. Entrambi i genitori sono originari di Pagani.

GIUGNO

Uso improprio della Casa del Pellegrino ad Eboli. Il gup Vincenzo Pellegrino del Tribunale di Salerno, a conclusione dell’udienza preliminare, ha rinviato a giudizio l’ex sindaco, Massimo Cariello, ed i componenti dell’allora giunta comunale, ovvero Cosimo Pio Di Benedetto; Ennio Ginetti, Vito De Caro; Matilde Saja; Angela Lamonica;Lazzaro Lenza; Maria Sueva Manzione.

LUGLIO

Assoluzione bis per il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. I giudici della Corte di Appello di Salerno nel processo sul caso “Crescent” hanno confermato la sentenza di primo grado. L’accusa aveva chiesto, per il Governatore della Regione Campania la condanna a un anno e sei mesi in ordine a all’autorizzazione paesaggistica in una zona sottoposta a vincolo.

AGOSTO

Frode transnazionale in materia di Iva. Sequestrati beni per oltre 1,2 milioni di euro: nei guai un noto imprenditore cilentano ed altre sette persone accusate di frode finalizzata all’evasione fiscale e all’autoriciclaggio a carattere transnazionale. Ad eseguire il decreto di sequestro sono stati i finanzieri del comando provinciale di Salerno su disposizione della Procura di Vallo della Lucania.

SETTEMBRE

20 anni di carcere per Vincenzo Galdoporpora, assassino reo confesso di Francesco De Santi, pizzaiolo di Capaccio ucciso, con una coltellata al cuore, davanti ad un bar a Torre di Mare. Le mani del clan Cuomo di Nocera Inferiore sui contributi covid e l’immigrazione 17 gli indagati Droga, Scacco matto a “I guaglioni di via Irno” e alle loro piazze di spaccio

OTTOBRE

Mazzette e appalti: blitz questa mattina degli uomini della Squadra Mobile a Salerno, nell’ambito di una delicata inchiesta, iniziata due anni fa, condotta dalla locale Procura della Repubblica. Nel mirino reati contro la pubblica amministrazione e manipolazione di appalti pubblici. 29 gli indagati, dieci le ordinanze di custodia cautelare. Agli arresti domiciliari è finito il consigliere regionale Nino Savastano

NOVEMBRE

Cinque avvisi di conclusione delle indagini ad altrettante persone notificati: all’ex assessore all’Annona e al Commercio del Comune di Salerno, Dario Loffredo, all’ ex dirigente Alberto Di Lorenzo, agli imprenditori Michele Fiore e Francesco Ferrara (Buongiorno Italia) e ad Aniello Pietrofesa dell’Anva. L’ accusa ipotizzata dalla Procura per i cinque indagati è di concorso in turbativa d’asta.

DICEMBRE

Gestivano le piazze di spaccio dal centro cittadino fino alla zona orientale: 15 degli appartenenti al sodalizio che ruotava intorno al boss del centro storico Ciro Persico ricorrono in Appello ed il prossimo 28 gennaio compariranno dinanzi ai giudici di secondo grado del Tribunale di Salerno. Nell’aula bunker di Salerno saranno presenti: il 71enne boss Ciro Persico, e tutti gli affiliati al suo clan.




Un anno di cronaca in provincia

La Guardia di Finanza ha sequestrato un milione di euro “occultato nei posti più disparati, sotto il materasso e addirittura all’interno di contenutori di biscotti” scoperti nell’abitazione del padre di un noto imprenditore dell’Agro- Nocerino -Sarnese nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura di Nocera Inferiore riguardante una società di Castel San Giorgio, ritenuta tra le più importanti nella distribuzione dei carburanti.

FEBBRAIO

Giuseppe Bisantis, avvocato, 53 anni di Capaccio Paestum, è tra le 17 persone arrestate nell’ambito della maxi operazione “Kossa” contro la ‘ndrangheta eseguita nella mattinata di ieri dalla divisione distrettuale antimafia di Catanzaro diretta da Nicola Gratteri nella Sibaritide, sull’alto Jonio cosentino. Dieci le ordinanze di custodia cautelare in carcere e sette agli arresti domiciliari.

MARZO

Il suo ultimo gesto d’amore è stato per i due anziani di cui quotidianamente si prendeva cura. Li ha accuditi fino all’ultimo minuto salvandoli dalla morte e sacrificando la sua vita. Natalia Dimitrova Beliova, badante 57enne, di origini bulgare è deceduta all’alba di ieri a seguito di un incendio divampato in una villetta di via Padova a Battipaglia. Fumo e fiamme non le hanno lasciato scampo.

APRILE

Un carabiniere originario di Sarno ha sparato alla moglie e si è tolto la vita con un colpo di pistola esploso con la stessa arma. E’ accaduto a Marino, vicino a Roma. La donna, Annamaria Ascolese, 49 anni, anche lei di Sarno, è stata trasportata in ospedale. Sul posto per i rilievi la polizia scientifica. Da chiarire i motivi del gesto dell’uomo, Antonio Boccia, 56 anni. Il militare avrebbe esploso quattro colpi di pistola.

MAGGIO

Una bimba tedesca di soli quattro anni ha perso la vita durante una escursione a Palinuro. La piccola era insieme alla sua famiglia, padre, madre e altri quattro fratellini, tutti in tenera età. La piccola aveva iniziato a inerpicarsi lungo il sentiero che sale da dietro il porto. Forse per sporgersi a guardare di sotto, la bimba potrebbe aver perso l’equilibrio ed essere rotolata lungo il costone di roccia facendo un salto di 30 metri.

GIUGNO

Quattro indagati per l’aggressione avvenuta al Pronto Soccorso di Nocera Inferiore: rispondono dell’ipotesi di reato di interruzione di pubblico servizio e lesioni. Il fascicolo d’inchiesta è stato aperto dalla Procura nocerina dopo dopo la gazzarra scatenata dai componenti del nucleo familiare proveniente da Somma Vesuviana. Nei guai anche l’anziano ricoverato, insieme ai due figli e alla nuora.

LUGLIO

Ancora un incidente sul lavoro. In via Torricella, fra Minori e Maiori, un operaio dell’Anas è finito sugli scogli, dopo un volo dal cestello della gru. Il camion ha perso il controllo e gli operai sono sbalzati sulle rocce. Sarebbero due i feriti nell’incidente sul lavoro a Minori. Molto complicato per i soccorritori trasferirlo in ambulanza l’operaio che era nel cestello, che è rimasto riverso a terra sulla scogliera

AGOSTO

Il maltempo ha creato disagi in Costiera Amalfitana. A causa della forte pioggia è venuto giù una tale quantità di terriccio e detriti che le acque antistanti i comuni di Atrani e Maiori si sono colorate di marrone per lungo tempo. Paura, ad Atrani dove il fiume Dragone è uscito fuori dagli argini facendo scattare il piano di emergenza: al suono delle sirene innescato dal sistema di monitoraggio elettronico, è stata liberata dalle auto via dei Dogi.

SETTEMBRE

Sedici milioni di euro.  A tanto ammonta il valore del patrimonio confiscato all’imprenditore nel settore delle onoranze funebri e trasporto infermi Roberto Squecco. A disporre la misura sono stati i giudici della sezione misure di Prevenzione presso il Tribunale di Salerno che ha accolto la richiesta della Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia, la confisca di beni e assetti societari.

OTTOBRE

Avrà una sua quarta vita ma non farà il politico. “Dopo 20 anni di impegno amministrativo (10 da consigliere e 10 da sindaco) con svariate campagne elettorali e alcuni incarichi di partito, è ciò che oggi ho deciso di fare dopo una lunga riflessione”. Un fulmine a ciel sereno la decisione del sindaco di Nocera inferiore Manlio Torquato di lasciare la politica. “E’ una scelta, se non se ne fa un mestiere, se non è solo un’ambizione, ma un servizio”.

NOVEMBRE

Un bigliettino d’addio dopo il litigio, poi  il viaggio in costiera Amalfitana e la scomparsa. Quindi il tuffo dal ponte di Furore, in Costiera Amalfitana per ll 24enne originario di San Valentino Torio Natale Martorelli. Un volo di oltre 30 metri, fino a mare. Il suo corpo è cercato in ogni angolo di specchio d’acqua del comune costiero. Probabile che la corrente l’abbia portato altrove

DICEMBRE

Imponevano servizi e slot ad imprenditori titolari di esercizi commerciali e quando qualcuno “osava” rifiutarsi non esitavano a minacciarli anche con armi da guerra. Arriva la parola fine su un’inchiesta nata nel 2017 con l’arresto di 21 presunti responsabili, molti dei quali già detenuti, di cui 13 in carcere e 8 ai domiciliari. Undici invece i fiancheggiatori indagati a piede libero che hanno subito una perquisizione domiciliare.




Un anno di Salernitana. Dalla grande gioia alla grande attesa

Gennaio 2021 inizia con un primo ko stagionale all’Arechi per la Salernitana, che perde in casa contro il Pordenone. Una seconda sconfitta la si registra contro l’Empoli che addirittura segna ben cinque gol. I granata vanno alla ricerca di risposte importanti contro il Pescara per terminare il girone di andata con un sorriso. Missione compiuta con punteggio all’inglese contro la formazione diretta dall’ex Breda

FEBBRAIO

Inizio mese a reti bianche nella sfida al Granillo di Reggio Calabria. Pochi giorni dopo la Salernitana viene fermata dal Chievo con un altro pari, questa volta all’Arechi. Ed un pari viene rimediato anche a Pisa dove finisce 2-2. Stessa storia con il Vicenza che conquista punti all’Arechi, mentre Tutino fallisce un calcio di rigore. E’ ad Ascoli la prima vittoria nel girone di ritorno, ma quanta paura per Dziczek.

MARZO

La Salernitana espugna per la prima volta nella sua storia lo Zini di Cremona e mister Castori adesso inizia a credere nella promozione in serie A. Con una rete di Bogdan, successivamente liquida il Brescia e sale al terzo posto. Anche i giocatori, adesso, iniziano a credere nella promozione nella massima serie e Di Tacchio in un intervista al nostro quotidiano rivela che “Abbiamo un sogno da realizzare”

APRILE

Aprile si apre un ko contro il Lecce, ma Castori non molla e conferma l’obiettivo della promozione. E così a riportare la Salernitana da sola al terzo posto ci ha pensato una magia di Cicerelli nella gara contro il Frosinone. La Salernitana batte poi 2-1 il Venezia: con un successo conquistato all’ultimo respiro, con una doppietta di Gondo, ribalta il risultato negli ultimi tre minuti. Si continua a sognare la serie A.

MAGGIO

Maggio è il mese del sogno che si realizza. La Salernitana torna in serie A, in città esplode la festa. Ovunque è uno sventolio di bandiere, cori, carovane di macchine e motorini vedono gioire insieme migliaia di persone, che hanno seguito l’ultima partita contro l’ex Grassadonia davanti agli schermi dei bar della city. Sulla festa cala un velo di tristezza in serata, quando a causa di un incidente muore il tifoso Loris Del Campo

GIUGNO

Il mese di giugno si apre con la vicenda della vendita della Salernitana. I tifosi pronti alla protesta dopo la bocciatura da parte della Figc del blind trust imbastito da Lotito e Mezzaroma. Sulla vicenda della vendita della società granata intervengono anche il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ed il governatore Vincenzo De Luca, che chiedono chiarezza e trasparenza

LUGLIO

Il Consiglio Federale ha approvato il Trust della Salernitana che da inizio luglio, finalmente, è ufficialmente iscritta al campionato di serie A. Iniziano così le procedure d’acquisizione delle offerte per Salernitana, mentre mister Castori bussa a rinforzi: servono 9 giocatori. A fine mese vengono chiuse di fatto quattro trattative importanti: Favilli, Bonazzoli, Kechrida, Lassana

AGOSTO

Nella prima gara amichevole con il Palermo, i granata vincono 2 a 1, mentre viene annunciato l’esordio in Coppa Italia il 16 agosto alle 20,45 all’Arechi contro la Reggina in diretta su Mediaset 20. Gara che finisce 2-0 per i granata a segno. La prima gara di campionato è invece contro il Bologna. Una partita vibrante con i granata che due volte sono andati in vantaggio ma non sono riusciti a portare punti a casa

SETTEMBRE

Franck Ribery firma con la Salernitana, l’annuncio fatto da Ugo Marchetti, amministratore unico della squadra. Intanto i Trustee hanno approntato una data room al fine di condividere, con i diversi soggetti che hanno già manifestato interesse all’acquisto della società e prodotto le relative dichiarazioni di indipendenza e confidenzialità, i documenti necessari alla preliminare due diligence della Società.

OTTOBRE

Alla settima giornata la Salernitana ha rotto il ghiaccio conquistando la prima vittoria in campionato superando il Genoa di misura. Ma la gioia dura poco e dopo l’ennesima sconfitta maturata il 16 ottobre l’U.S. Salernitana 1919 ha ritenuto necessario far conoscere il proprio sentire e le conseguenti decisioni. Decidendo così di fatto di esonerare l’uomo della promozione, ovvero Mister Castori

NOVEMBRE

I tifosi della Salernitana non lasciano sola la squadra neanche in trasferta. E per la trasferta contro la Lazio soltre 4.500 si recano a Roma. La gara finisce 3-0 per i padroni di casa. Intanto i trustee Melior Trust S.r.l. e Widar Trust S.r.l. annunciano che non ci sarà la cessione della Us Salernitana 1919. Le offerte presentate fino a quel momento sembra che non possono essere accettate.

DICEMBRE

Mentre il campionato non regala nessun sorriso ai tifosi della Salernitana, tutti gli occhi sono puntati sulla cessione della società. Termine ultimo per la vendita della squadra è fissato per la giornata di oggi e se non si riesce a concludere nulla il primo gennaio la squadra potrebbe essere fuori dal campionato di Serie A, come comunicato dal presidente della FIGC, nel corso dell’ultimo consiglio federale.




Un anno di spettacolo. Con le Muse oltre il Covid

Il 2019 si chiude con i concerti in streaming offerti dal Teatro Verdi ed il 2020 si apre con i teatri ed i cinema ancora chiusi a causa della pandemia e con spettacoli che vanno in scena via etere. Ravello per non disperdere le tradizioni offre per il giorno dell’Epifania, una serata mozartiana affidata alla bacchetta esperta di Fabio Biondi andata in onda con un grandissimo successo in streaming.

FEBBRAIO

A febbraio il mondo della musica dice addio al grande pianista Chick Corea, che fu negli anni 90 protagonista di una splendida ed indimenticabile serata musicale all’Arena del Mare di Salerno in duo con Gary Barton. Ma a febbraio viene pubblicato anche il secondo romanzo di Carmine Mari “Hotel d’Angleterre”per la Marlin edizioni, cuna spy storia ambientata nella Salerno Belle èpoque,

MARZO

Marzo si apre con il festival di Sanremo. All’edizione del 2020, tante le presenze salernitane. Da ricordare la partecipazione del musicista nocerino Luca Petrosino che con altre tre componenti della Napoli Mandolin Orchestra accompagna Ermal Meta. Ma il mese di marzo segna anche un altro grave lutto nel mondo della musica. Muore a causa del Covid, infatti, a 83 anni Raoul Casadei, il re del liscio.

APRILE

E’ il Sommo poeta Dante Alighieri il protagonista del mese di aprile. In molti comuni salernitani ed anche nella città capoluogo si svolgo eventi e manifestazioni nel 700enario della sua morte, molti dei quali organizzati dagli istituti scolastici. Ad inizio aprile 2020, la Salerno teatrale deve però dire addio a Marisa Rossi, attrice che negli anni aveva lavorato come co-protagonista nella compagnia diretta da Ugo Piastrella

MAGGIO

Si rialza il sipario dei teatri dopo mesi e mesi di chiusure. Tra i primi a riaprire il Teatro Delle Arti con la Compagnia dell’Arte e lo spettacolo “La magica storia della pizza”. Mentre al Teatro Nuovo Pasquale De Cristofaro presenta un evento dedicato a Pirandello. A maggio si registrano due lutti importanti, uno nel mondo della musica e uno nel mondo della danza. Muoiono infatti Franco Battiato e Carla Fracci

GIUGNO

I protagonisti del mese di giugno sono Roberto Saviano e Vincenzo De Luca. Mentre le riprese della serie tv “Malinconico, l’avvocato” si trasferiscono a Nocera. Lo scrittore e giornalista partenopeo era stato invitato come ospite al Ravello Festival dal direttore Scurati. Invito non gradito dal Governato che lo vieta, facendo scatenare una polemica che coinvolgerà molti scrittori e perfino Enrico Letta.

LUGLIO

Il mese di luglio si apre con la morte dell’amatissima Raffaella Carrà. Ma il mese di luglio segna anche il ritorno in presenza e con una capienza più numerosa di pubblico del Giffoni Film Festival, manifestazione dedicata al cinema per ragazzi e del Premio Charlot, kermesse dedicata al grande Charlie Chaplin. A Salerno città da segnalare anche due importanti mostre a Palazzo Fruscione e al Tempio di Pomona

AGOSTO

Ad agosto torna il consueto appuntamento con il Barbuti Teatro Festival, mentre l’Arena del Parco del Mercatello è la location messa a disposizione dal comune, per compagnie e gruppi cittadini. A Ravello regna, invece, sovrana la musica. Tra gli appuntamenti di punta vanno ricordate le due giornate che hanno visto come protagonista Valery Gergiev, il direttore russo è stato ospite della LXIX edizione

SETTEMBRE

Si chiamano Chiara Marotta e Loris Giuseppe Nese, entrambi di Salerno e sono stati i protagonisti del mese di settembre. Il loro cortometraggio “Il turno” è stato in concorso alla 78a Mostra del Cinema di Venezia. Mentre a Battipaglia si svolge con successo la quinta edizione del Picentia Short Film a Salerno al Teatro Pasolini si alza il sipario sul Nid Platform per promuove la danza italiana

OTTOBRE

Per festeggiare il ritorno alla normalità nei teatri, le strutture salernitane de “La città Teatrale” si uniscono e presentano la rassegna itinerante “Qui fu Napoli… qui sarà Napoli”. Ma il vero protagonista del mese di ottobre è Giuseppe Gibboni, il 20enne violinista di Campagna vince il Premio Paganini, riportando in Italia il riconoscimento dopo 24 anni d’assenza. Da ricordare anche la morte del maestro Antonio Florio

NOVEMBRE

Teatri finalmente tutti aperti e tanti appuntamenti che finalmente riportano il pubblico in presenza. Tra i tanti vi segnaliamo il quintetto teatral-stereofonico dei Gomalan Brass che ha stregato il pubblico eterogeneo del teatro Verdi. Mentre la Stazione Marittima ospita In Vino Civitas, manifestazione è che punta anche a valorizzare il territorio salernitano ed il suo patrimonio artistico, paesaggistico e culturale

DICEMBRE

Dicembre è il mese della Traviata. L’opera di Giuseppe Verdi, viene messa in scena al Massimo Cittadino, con un buon consenso da parte del pubblico. Ma la musica è protagonista di questo mese grazie ai concerti di Salerno Classica e Salerno Barocca, oltre alla notizia che il violinista e compositore ebolitano Vito Mercurio è tra gli autori del brano che Iva Zanicchi proporrà al prossimo Festival di Sanremo.




Carla D’Acunto presenta il suo cenone da asporto

di Monica De Santis

Se non si può festeggiare il Capodanno nei ristoranti allora portiamo il capodanno nelle vostre case. E’ questo in sintesi il messaggio lanciato da Carla D’Acunto, titolare del ristorante “Mediterraneo” a Salerno, che ha deciso per il secondo anno consecutivo di preparare il cenone di Capodanno e consegnarlo nelle case dei clienti, ovviamente di quelli che l’hanno ordinato o che faranno l’ordine entro la mattinata di oggi… “Lo scorso anno ho dovuto organizzarmi in questo modo perchè a causa del lockdown non potevamo rimanere aperti con i nostri locali. E devo dire la verità contro ogni aspettativa la cosa funzionò. Quest’anno viste le restrizioni che mi consentono di far accedere in sala solo 18 persone ho pensato comunque di replicare. Fortunatamente i miei clienti hanno risposto in maniera positiva ed ho avuto molti ordini. Sicuramente lavorerò più così che se invece stessi aperta questa sera”. Carla, che il primo gennaio compie anche gli anni, e che li festeggerà con i propri cari, per promozionare la sua idea ha fatto girare attraverso i social ed sui gruppi whatsapp un menù. “I social sono diventati un ottimo strumento di promozione, oltre ovviamente al passaparola dei miei clienti abituali che soddisfatti del servizio dello scorso anno mi hanno confermato le ordinazioni e mi hanno anche fatto pubblicità con i loro amici” I clienti hanno potuto e potranno scegliere scegliere tra una varietà di pietanze a base di pesce. E così si va dagli antipasti, ovvero tartare di tonno al limone, tartare di gambero blu oppure soutè di frutti di mare e crostini di pane fritto. Come primo piatto è possibile scegliere tra Astice  con linguine, oppure un bel risotto alla pescatora con scampetti, polpo, calamaretti, seppiolini e gamberetti locali. Mentre per secondo la scelta è tra tre pietanze, il calamaro imbottito di broccoli scoppiettati e crumble di mandorle tostate, o ancora lo spiedone di mazzancolle locali e gamberi blu con salsa cocktail al brandy, oppure trancio di pescato del giorno con patate, olive taggiasche e datterini gialli e rossi… “Al momento le tartare sono il piatto più richiesto, come anche le linguine all’astice. Ma diciamo che in generale le persone stanno ordinando un po’ di tutto. Sicuramente però gli antipasti sono quelli che vanno per la maggiore”. Carla D’Acunto traccia anche un bilancio di queste vacanze natalizie che purtroppo…. “Sono andate male, molto male. Abbiamo lavorato pochissimo. La colpa? I contagi che aumentano, le restrizioni che cambiano continuamente, e poi le Luci d’Artista accese con fortissimo ritardo rispetto agli anni addietro, molto in ritardo e poi anche meno coinvolgenti rispetto agli anni addietro. Purtroppo per noi del settore della ristorazione la ripresa vera e proprio non c’è ancora stata. Speriamo che tutta questa storia finisca presto”.




Poche le disdette negli agriturismo bene le prenotazioni per il Capodanno

di Monica De Santis

Poche le disdette registrate negli agriturismi salernitani per il Capodanno 2021. A confermarlo è Enzo Tropiano, direttore della Coldiretti Salerno che in una nota comunica che la crescita dei contagi da Covid, l’inasprimento delle restrizioni imposte dal Governo e il timore da corsa ai tamponi, non travolge gli agriturismi salernitani che mantengono, a poche ore dal Capodanno, un discreto numero di prenotazioni sia per la cena del 31 che per il pranzo dell’1 gennaio. Pochissime finora le disdette a dimostrazione che gli agriturismi vengono considerati, per tipologia e spazi, luoghi sicuri e affidabili. Lo conferma un monitoraggio Coldiretti Salerno. “I nostri associati registrano pochissime disdette e mancate prenotazioni – conferma il direttore di Coldiretti Salerno Enzo Tropiano – gli agriturismi, spesso situati in zone rurali della campagna o montane, in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi, sono i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Lo dimostrano anche le prenotazioni che sono positive ovunque. Tra l’altro, i nostri associati hanno ampliato ulteriormente gli spazi garantendo massimo distanziamento, proprio per rassicurare i propri avventori. Ci auguriamo ovviamente che questa situazione passi presto e che vi sia una ulteriore ripresa già dal periodo di Carnevale perché le attività hanno bisogno di serenità e continuità lavorativa”.