Vuole il divorzio e perde tutto, il marito muore e lei eredita

Scritto da , 15 aprile 2017

Pina Ferro

La richiesta di divorzio e l’avvio dell’iter l’avevano estromessa dal- l’intero asse ereditario, ma l’improvvisa morte del coniuge ribalta la situazione e fa rientrare l’ex mo- glie tra gli eredi. E’ accaduto ad una coppia salernitana. I due, dopo il matrimonio, la nascita di un bimbo e, dopo alcuni anni di vita coniugale, decidono di mettere la parola fine al loro rapporto. Tra i due era in corso l’iter burocratico e legale per giungere alla senteza definitiva di divorzio. Nel contempo, passano le settimane e il giudice del tribunale civile pronuncia una dichiarzione parziale di divorzio la quale prevedeva la cessazione degli effetti civili del matrimonio con la conseguenziale estromissione da tfr, quota eredita- ria, reversibilità. Insomma all’ex moglie veniva negato qualsiasi di- ritto ereditario fatta eccezione per l’assegno divorzile se gli spettava. Il pronunciamento del giudice è stato accolto come una doccia

fredda per la quarantenne salerni- tana che mai avrebbe immaginato di dover rinunciare proprio a tutto. E, mentre la donna cerca di meta- bolizzare quanto deciso dai giudici l’ex marito, anche egli quaran- tenne, muore all’improvviso e prima che alla sentenza parziale di divorzio possa aggiungersi quella definitiva.

A questo punto con due passaggi

giuridici importanti la sentenza viene stroncata e al suo posto viene dichiarata la cessazione della materia del contendere che riporta alla moglie tutti i diritti ereditari (di non poco conto e valore) oltre trf , reversibilità. Ovviamente, già nella sentenza parziale di divorzio erano stati contemplati tutti i diritti del minore. In pratica la moglie è an- cora la moglie con tutti i diritti di

Singolare caso al tribunale civile di Salerno

una moglie vedova, perché anche se c’è sentenza parziale di divorzio che ha dichiarato i coniugi divor- ziati con i relativi effetti di perdita dei diritti la morte del marito ha comportato la cessazione del giu- dizio. Perché se muore una parte del giudizio il giudizio cessa se viene fatto rilevare al giudice.

Nel collegio difensivo gli avvocati Caponigro e De Luca.

Consiglia