Viadotto, l’allarme di Antonio Iannone «Si intervenga, si rischia una tragedia»

Scritto da , 12 agosto 2017

Fedele Di Nunno

Attività di verifica della staticità mai eseguite: «si rischia una tragedia se il Comune non prende seri provvedimenti». Antonio Iannone, segretario regionale dei Fratelli d’Italia, già presidente della Provincia di Sa- lerno, si è espresso ferocemente sulla condizione in cui versa il via- dotto Gatto, unica porta di accesso alla città di Salerno. «Seguo questa vicenda dal 2004, con crescente preoccupazione, poiché da quando è stato inaugurato dal 1980, non ci sono state significative attività di verifica statica». Un’ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Mini- stri a tutti i proprietari d’infrastrutture strategiche, quali pronti soccorsi, stazioni di polizia e infrastrutture di collegamento, intimava il controllo della staticità di questi edifici. Ciò non è mai stato fatto a Salerno secondo il segretario regionale. «Nella parte non visibile della sopraelevata, i piloni che si vedono da lontano da via Monti versano in condizioni pietose, stato verificabile a occhio nudo. Alcuni piloni sono stati rattoppati, questo è stato l’unico intervento eseguito». Il Comune non interviene e sembra che stia aspettando il progressivo disfa- cimento della struttura. L’onorevole Edmondo Cirielli, anche lui esponente di Fratelli d’Italia, ha sollevato la questione in Parlamento. «La situazione è davvero preoccupante: oltre al rischio dell’incolumità, ci sarebbe molto da dire anche sulla sicurezza. È l’unica porta di accesso a Salerno oggi, è grave che il Comune lo abbia lasciato in questo stato. Auspico che si diano una mossa».

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.