Vertenza Italcementi, «In campo con il Governo per il rilancio del sito campano

Scritto da , 5 dicembre 2018
image_pdfimage_print

di Red.Cro.

La vertenza Italcementi continua ad essere motivo di polemiche, anche al governo. Nei giorni scorsi si è tenuto un tavolo tecnico per tentare di chiarire quale sarà il futuro dei lavoratori che, ad oggi, sembra essere sempre più in bilico. «Sul tavolo del Ministero dello Sviluppo Economico dedicato alla vertenza Italcementi di Salerno, si è assistito ad uno deplorevole teatrino», ha dichiarato la deputata del Movimento 5 Stelle, Anna Bilotti, membro della commissione lavoro. All’incontro di venerdì scorso, tenutosi presso il Mise, hanno partecipato anche la proprietà industriale (coinvolta in un piano di ristrutturazione aziendale che rischia di cancellare questo importante presidio produttivo e occupazionale), le parti sindacali, gli enti regionali e personalità della società civile. «Il secondo gruppo mondiale cementizio con 70.000 dipendenti in tutto il mondo e 15 miliardi di Euro di fatturato, non è stato in grado di produrre uno straccio di piano industriale che comprendesse il destino delle decine di lavoratori che tra qualche settimana resteranno senza alcun lavoro, sostentamento e prospettiva futura – ha poi aggiunto la deputata pentastellata – Concausa di questa situazione anche l’operato dei governi precedenti che non hanno mai sollecitato l’azienda ad un reale rilancio a fronte dei milioni di euro erogati con politiche di salvaguardia». Da qui, l’attacco al gruppo Heidelberg che, secondo la Bilotti, ad oggi avrebbe concepito solo tagli, senza alcun investimento: «Abbiamo riscontrato totale disinteresse a ragionare secondo logiche che non siano unicamente economiche contraddicendo di fatto anche le belle parole che troviamo sulle pagine web istituzionali dell’azienda, Italcementi rappresenta la storia e il futuro del cemento in Italia – ha infatti detto la parlamentare salernitana – La Campania e l’Italia meridionale perdono un asset strategico importante in una logica di colonizzazione internazionale che sta riducendo intere aree del nostro mezzogiorno a pedine di un rischio senza alcuna prospettiva. Il nostro impegno – conclude Bilotti – sarà quello dicontinuare a monitorare la vicenda, affinché tutti gli sforzi vengano fatti per trovare una soluzione al più presto, per i lavoratori e per le nostre storiche realtà industriali».

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->