Vendola certo: «Nessun accordo per De Luca a Roma»

Scritto da , 21 febbraio 2013
image_pdfimage_print

La presenza di Pierluigi Bersani a palazzo di Città nella giornata di oggi non implica alcun conferimento d’incarico romano al sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca. Parola dell’alleato del Pd, Nichi Vendola. A meno tre giorni dalla fine della campagna elettorale, a Salerno, approda il segretario nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà, in un teatro Augusteo quasi del tutto pieno è partita la stoccata finale prima delle votazioni. Non solo politica nazionale, ma anche Salerno tra le parole di Vendola prima dell’entrata nel teatro: ‹‹L’incontro di domani tra il sindaco della città e il candidato premier del centro sinistra non ha nulla a che vedere su possibili futuri incarichi a Montecitorio per il primo cittadino››. Nichi conquista la città di San Matteo, parla di tutto e su tutto, dalla politica economica ai diritti civili, passando per università e imprese: ‹‹Per ripartire c’è necessità di fare giusti investimenti, l’impresa riparte se l’università riparte. La conoscenza e la comprensione dell’attuale momento economico sono alla base della ricetta per uscire dalla crisi.
 La Puglia è riuscita a ripartire, ora deve ripartire la nazione. Investire sul territorio a 360 gradi, non solo in termini di conoscenza ma anche e soprattutto d’ambiente. L’indotto che si smuove portando fondi sulle bellezze ambientali è immenso. Agricoltura, turismo, cinema, sono solo tre delle infinite voci in bilancio, che vedranno crescere i segni più rispetto ai meno, se si comprendesse l’importanza di investire e non tagliare››. Un tornado che travolge tutto, non lasciando stare nemmeno la Lega: ‹‹Al nord sono attaccati al territorio, difendono la loro identità, ma non capiscono che il vero successo si ottiene spostandosi, andando a mescolare le proprie idee con quelle degli altri. Il paese non può restare chiuso nella morsa di persone, che non vogliono comprendere l’importanza del coinvolgimento, un’idea se messa in circola ne genera altre ed altre ancora››. Imprese e investitori esteri sono stati uno dei punti su cui il Governatore della Puglia ha riscosso più applausi: ‹‹Da noi mancano i fondi e dobbiamo sperare che siano gli stranieri a portarci fondi per far ripartire l’economia. Lo stato e gli enti che gestiscono i fondi devono però sapere come erogare i fondi. Se si danno i soldi in tasca agli imprenditori stranieri, questi potrebbero scappare con la cassa, de localizzando l’impiantistica. Per risolvere il problema basta porre dei vincoli sui fondi, così facendo si andranno a bloccare sul territorio i propri investimenti››. Un ventennio di politica di centro destra che ha smontato le coscienze pubbliche, su questo si è incentrata la conclusione del suo discorso: ‹‹Berlusconi non è nato cinque anni fa, ma ha iniziato il suo operato da lontano a partire dalla televisione commerciale che ha modificato in peggio le conoscenze delle persone. Il successo finale della politica del personaggio di Arcore è stata la legge sull’università, che ha demolito le gambe alla cultura creando una generazione che non sa più sperare››.
Barack Obama infine ha suggellato la serata salernitana di Nichi: ‹‹Il presidente americano nel suo discorso d’insediamento ha ricordato che alla base di un paese civile c’è l’uguaglianza e la collaborazione, ecco questo dovremmo riuscirlo a comprendere anche noi. Un Italia più unita e più uguale è il paese dove voglio vivere››.
Tommaso Mauro

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->