Valle dell’Irno. Mancate vacanze ai disabili: è scontro politico

Scritto da , 27 luglio 2015

BARONISSI. Per la colonia estiva negata ai disabili del piano di zona S5 che comprende i comuni di Baronissi, Fisciano, Siano, Bracigliano e Mercato San Severino è scontro politico istituzionale. Il sindaco sanseverinese Giovanni Romano, rispondendo al presidente dell’associazione disabili Irno, Sandro Pecoraro,  si scaglia contro il centrosinistra. «Il Comune più grande non ha nessun potere decisionale perché decidono Baronissi e Fisciano, guidati dagli uomini del presidente della Regione De Luca. Provate a prendervela con loro. Siamo anche un po’ stanchi di queste generalizzazioni». Il consigliere comunale ed ex assessore alle politiche sociali Angelo Zampoli si difende: «Finché ho avuto la responsabilità amministrativa ho fatto tutto quello che dovevo». Zampoli si è detto pronto ad un confronto con l’associazione dei diversamente abili. Analoga proposta da parte del presidente del Consiglio comunale Mauro Iannone. E, in un silenzio assordante di molti amministratori, il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante e l’assessore alle politiche sociali Migliore si sono detti «pronti a confrontarsi con i disabili per risolvere questo problema». Ed il capogruppo di minoranza a Bracigliano Gianni Iuliano: «La politica indipendentemente dal colore partitico deve di ascoltare le esigenze dei disabili». L’associazione dei disabili della Valle dell’Irno ha chiesto un incontro urgente con i responsabili del piano di Zona S5 e  con i sindaci. Intanto il presidente dell’Acir (associazione commercianti e imprenditori dell’Irno) Giovanni Romano è  disponibile ad organizzare quanto prima una manifestazione di beneficenza per pagare le spese per le colonie estive ai disabili.            Carmine Pecoraro

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->