Vai Salernitana, scaccia i satanelli

Scritto da , 20 febbraio 2015

Che sia finalmente arrivata l’ora di Gabionetta? Senza Negro e Pestrin, sotto le luci dei riflettori, in casa granata scocca l’ora di Gabionetta. Indubbiamente, fin qui, il talento brasiliano ha disputato una stagione al di sotto delle attese ma ora che i punti iniziano a pesare davvero può diventare l’arma in più della Salernitana di Menichini. I granata vanno a caccia del terzo successo consecutivo contro un Foggia tanto sbarazzino quanto pericoloso. Quella di De Zerbi è una delle squadre che gioca meglio in questo campionato di Lega pro. All’Arechi stasera non farà barricate e questo potrebbe anche avvantaggiare la squadra granata che ritrova Calil al centro dell’attacco, dopo lo stop per squalifica. I due brasiliani insieme a Bovo rappresentano le grandi novità della formazione che sceglierà Menichini questa sera. A completare il reparto offensivo sarà Nalini, mentre a centrocampo con Bovo ci saranno Moro che giocherà centrale e Favasuli. Confermata in blocco anche la difesa. Davanti a Gori giocheranno Lanzaro e Trevisan al centro e Colombo e Bocchetti esterni. Ancora una volta, quindi, l’ex Paganese ha vinto il ballottaggio con Franco. Una motivazione soprattutto tattica, dato che in fase di copertura Bocchetti, che nasce centrale, sembra poter dare maggiore sicurezza rispetto all’ex Varese. Il modulo sarà il 4-3-3 speculare a quello del Foggia. Un Foggia che all’andata mise in difficoltà la squadra granata ma che trovò il pari solo all’ultimo minuto. Reduce dal pareggio interno contro il Lamezia, la squadra rossonera fuori casa ha conquistato ben 21 punti, frutto di sei vittorie, tre pareggi e tre sconfitte, l’ultima delle quali a Melfi. Meglio lontano da casa hanno fatto solo Benevento e Salernitana. Quella di De Zerbi è una squadra insidiosa con due esterni come Cavallaro e Sarno davvero pericolosi. Una squadra da affrontare con il giusto piglio e la necessaria concentrazione. Servirà una Salernitana al massimo per conquistare questi tre punti davvero vitali nella rincorsa alla capolista Benevento. I granata, d’altronde, non possono permettersi passi falsi. L’obiettivo è arrivare allo scontri diretto contro il Benevento in questa situazione di classifica o migliore casomai il Benevento nel doppio turno interno dovesse contro Melfi e Barletta si dovesse distrarre. E un ruolo importante l’avranno anche i tifosi che questa sera in più di ottomila cercheranno di spingere i granata verso la vittoria.

Consiglia