Vaccaro sospende occupazione sede Salerno

Scritto da , 23 febbraio 2014

«Liberata la sede del Pd». Ieri sera una nota della segreteria regionale Assunta Tartaglione fa concludere il presidio di Vaccaro e Saggese alla sede provinciale di via Manzo. «Pronta a collaborare e a recepire le istanze», ha scritto la Tartaglione rispondendo ad una lettera invitata sabato sera dall’onorevole Vaccaro e dalla senatrice Angelica Saggese. Ad una settimana esatta, il gruppo democrat di Vaccaro (che ha denunciato brogli durante le scorse primarie e che domani sarà ascoltato anche dal pm Montemurro), rimasto perfino senza luce ed acqua dopo l’incursione della “grossa dirigenza cittadina democrat” su ispirazione del segretario provinciale Nicola Landolfi, ieri sera ha smontato tutto e nelle prossime ore annuncia: «Prenderemo le nostre cose e lasceremo i locali puliti». Oggi Guglielmo Vaccaro ed Angelica Saggese saranno a Roma per votare la fiducia al Governo Renzi, poi torneranno qui per l’assemblea regionale del Pd. Ed ecco cosa avevano scritto alla Tartaglione sabato scorso: «La questione di rivedere le regole che soprintendono alla costituzione dei seggi ed alla verifica sulla regolarità del voto, non è più rinviabile. E riguarda tutte le ultime occasioni di voto: le primarie per la scelta del sindaco di Napoli; le “Parlamentarie 2012” con i tanti, troppi, ricorsi; il Congresso nazionale con la convenzione annullata a Salerno e infine “le anomalie” del 16 febbraio 2014. Serve un cambio di passo nel Pd campano. E’ opportuno definire quanto prima un tavolo di lavoro che, in vista della prima Assemblea regionale, formuli una proposta di modifica statutaria tesa a disciplinare in maniera trasparente e “neutrale” la composizione dei seggi, il valore della rappresentanza ponderata con i voti reali e la composizione della Commissione regionale di garanzia. Questioni già poste, in precedenza senza successo, prima del congresso regionale agli Organismi di garanzia. Se quelle richieste, fossero state recepite allora, avremmo sicuramente evitato queste polemiche». La segreteria avrebbe teso la sua mano, rispondendo in serata. «Si è detta – afferma Angelica Saggese – pronta a collaborare. Finalmente ci siamo riusciti ed ora attendiamo solo che Assunta Tartaglione mantenga le promesse. Noi continueremo a fare la nostra parte e collaboreremo nell’interesse del partito»

Consiglia