Un “tappeto” di rifiuti ricopre lo specchio d’acqua del porto

di Redazione Cronache

Un “tappeto” di rifiuti copre lo specchio d’acqua del porto di Salerno. Le forti mareggiate dei giorni scorsi, infatti, hanno portato a galla vari rifiuti plastici che confermano, ancora una volta, quanto sia inquinato il mare salernitano. Dalle foto scattate alla porzione di mare compresa tra la stazione marittima e gli ormeggi Autuori portano a galla il problema di rifiuti plastici in mare ed in particolar modo delle microplastiche: una vera e propria emergenza globale che preoccupa sempre più non solo gli ambientalisti ma anche e soprattutto i salernitani a causa dell’impatto che questo tipo di inquinamento può avere sulla salute dei cittadini. Del resto, ormai da tempo si sprecano le segnalazioni circa la presenza di vere e proprie discariche a cielo aperto che stanno “occupando” tutta la città, soprattutto a causa dei comportamenti incivili di chi non rispetta l’ambiente. L’inquinamento marino da plastiche, tra le altre cose, non conosce confini naturali o artificiali e, a causa anche dei venti e delle correnti, le plastiche possono diffondersi anche in zone lontane dalla sorgente di inquinamento, nonché nelle aree marine protette.