Un complotto per sfiduciare Alfieri, partita la raccolta di firme

Scritto da , 30 Ottobre 2020
image_pdfimage_print

Un complotto per sfiduciarlo. Accuse pesanti quelle che il sindaco di Capaccio Paestum Franco Alfieri ha rivolto al presidente del consiglio comunale Emanule Sica. Uno strappo in maggioranza ben delineato, con un’accusa ben precisa: far cadere l’amministrazione Alfieri. A riportare le voci sarebbero stati, ieri mattina tre consiglieri, sondati dallo stesso Sica per raggiungere ed apporre le nove firme necessarie davanti al notaio. Confessioni che svelano trame tutte da dimostrare, ovviamente, ma sufficienti ad innescare uno sdegno tale, in Alfieri, da indurlo a pubblicare ieri mattina un post sibillino sul suo profilo Facebook, che recita testualmente: “La saliva è utile, preziosa per sprecarla! Le mele marce con le mele marce. La serpe in seno con i serpenti. Noi a lavoro per la città!”.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->