Turismo a picco: nel 2012 a Salerno il 19% in meno. BankItalia sconfessa De Luca

Scritto da , 15 giugno 2013

Impietosi. Spietati. Freddi. Numeri taglienti come la lama d’un rasoio, al di là delle correzioni e delle possibili smentite. Tra una luce d’artista e un evento europeo il 2012, per la città di Salerno, registra un calo di presenze turistiche del 19,3 percento. La peggiore performance tra tutti i capoluoghi della Campania. Il dato è stato ufficializzato ieri dalla Banca d’Italia ed è inserito all’interno del rapporto sull’economia regionale dell’istituto centrale. Secondo l’analisi di Bankitalia, nel calo diffuso delle presenze di turisti in Campania nel 2012 (la regione ha fatto segnare un -8,9 percento complessivo, ndr) il capoluogo meno visitato risulta essere proprio Salerno: peggio di Avellino (-14,9 percento), Benevento (-3,4 percento) e Napoli (-2,2 percento). 

 

15 giugno 2013

 

Servizi e approfondimenti sul quotidiano in edicola

Consiglia